Carenze in Ciociaria, l’appello dell’assessore regionale alla Sanità D’Amato

Che stessero cominciando a nascere i primi rischi di carenze sangue lo avevamo segnalato su Donatorih24 nelle ultime ore, ma l’ultima notizia riguarda la Ciociaria. Dal suo capoluogo, Frosinone, dalle istituzioni arriva un appello a donare sangue per evitare il rischio di interrompere la normale attività chirurgica.

A lanciare l’allarme, e contestualmente un appello al dono, è l’assessore regionale alla Sanità Alessio D’Amato, che è intervenuto con queste parole, fotografando il contesto difficile a causa del Covid-19 e indicando criticità e soluzioni.

“Il lungo periodo dell’emergenza Covid-19 ha pesato molto sul sistema sangue. È necessario andare a donare perché c’è il rischio concreto di bloccare l’attività chirurgica – ha detto D’Amato – donare il sangue è un atto di generosità e di impegno sociale, che consente in tutta sicurezza di prendersi cura del prossimo regalando anche a sé un’occasione di prevenzione. Per fare ciò è sufficiente avere tra 18-70 anni, pesare almeno 50 chilogrammi e recarsi in uno dei nostri centri trasfusionali”.

Inoltre le parole di D’Amato sono correlate al tema estate e dono, che naturalmente preoccupa in vista del periodo agostano, endemicamente difficile per la raccolta.

Una nota della Asl locale specifica che “Il periodo estivo è da sempre critico per le donazioni di plasma, sangue e piastrine. Le malattie non vanno in ferie, perciò è di fondamentale importanza recarsi a donare prima delle vacanze, aiutando il sistema sanitario a garantire l’assistenza ai pazienti che dipendono dalle trasfusioni per la loro vita”.

Il caso ciociaro è solo uno dei tanti che potrebbero sbocciare nelle prossime settimane, e noi di Buonsangue e Donatorih24 cercheremo di vigilare il più possibile su carenze e necessità del territorio, suggerendo contestualmente dove e come donare, e tutte le iniziative per la sensibilizzazione.

“Prima donare e poi partire” deve essere, come sempre, il diktat dell’estate, da osservare in prima persona e da suggerire ad amici e parenti.