Fidas e Automotoclub Storico Italiano, il protocollo d’intesa a favore del dono

Le strade della sensibilizzazione sulla cultura del dono – è proprio il caso di dirlo – possono essere moltissime, e non bisogna trascurare alcuno spazio di aggregazione.

Ben venga allora, il protocollo d’intesa che unisce Fidas, una delle principali associazioni di donatori italiani, con Automobilclub storico d’Italia, un associazione di amanti dei motori e delle auto d’epoca che raccoglie migliaia di persone.

L’unione consentirà di portare il messaggio del donatori e del dono nei tanti raduni ed eventi che ogni anno si svolgono in tutto il paese.

Ecco come hanno commentato i due presidenti:

La sottoscrizione di questo protocollo – ha commentato il Presidente Nazionale FIDAS, l’Avv. Giovanni Musso – ha l’ambizione di portare la promozione del dono del sangue e degli emocomponenti ad un nuovo livello: grazie al supporto dell’ASI sarà infatti possibile sensibilizzare molti più cittadini. L’ASI tutela uno dei prodotti di spicco che da sempre caratterizzano il nostro Belpaese. FIDAS e ASI promuoveranno insieme la generosità, la solidarietà e l’altruismo: valori caratterizzanti la nostra cultura”.

Il motorismo storico – ha dichiarato il Presidente Nazionale ASI, il Prof. Alberto Scuro – è un volano di valori positivi, una vera industria sociale mossa dal volontariato e dalla voglia di contribuire al sistema Paese. Le numerose attività coordinate dal nostro gruppo ASI Solidale sono in continuo sviluppo: ASI è prima di tutto un ente morale e come tale mette al primo posto le iniziative che possano portare benefici alla collettività. L’intesa con FIDAS va proprio in questa direzione e si aggiunge a molti altri protocolli istituzionali siglati con le medesime finalità sociali. Sono certo che i nostri tesserati si metteranno in moto per aumentare le donazioni di un bene così prezioso come il sangue”.

A questo link, infine è possibile leggere il protocollo completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *