L’8 maggio arriva la giornata mondiale della talassemia

L’8 maggio il nostro pensiero andrà ai pazienti talassemici.

La talassemia o anemia mediterranea, assieme a Drepanocitosi e Talasso-drepanocitosi è una patologia che rientra nel gruppo delle emoglobinopatie, ovvero forme gravi di anemia ereditaria che dipendono da alterazioni genetiche dell’emoglobina.

In Italia ci sono circa 7 mila pazienti e 3 milioni di portatori sani, e le regioni più colpite sono quelle del sud, come Sicilia, Puglia e Sardegna, con dei picchi anche in Veneto e intorno al delta padano.

La forma più diffusa e la talassemia beta, che si trasmette per via ereditaria, e la vita dei talassemici è esposta alla necessità di continue trasfusioni.

“Ad oggi – leggiamo sul sito di United Onlus le terapie che consentono la vera e propria sussistenza, per un Talassemico sono le trasfusioni di sangue, in media 2/3 unità di sangue ogni 15/20 giorni, che garantiscono il reintegro dei globuli rossi che non svolgono la loro regolare funzione, mentre per un Drepanocitico consistono prevalentemente in terapie farmacologiche antinfiammatori oltre a periodiche trasfusioni di globuli rossi.
Con il progresso della ricerca scientifica sono stati immessi nel mercato nuovi farmaci che possono agevolare il trattamento di queste patologie”.

L’8 maggio, per l’appunto, si celebra ogni anno la giornata mondiale della talassemia, occasione per sensibilizzare il pubblico e capire quanto sono importanti, per i talassemici, la donazione di sangue e la ricerca scientifica.

Su quest’ultimo tema, il 7 maggio a Palermo, è previsto un convegno dal titolo “HIGHLIGHTS IN INNOVATIVE TREATMENTS FOR HAEMOGLOBINOPATHY: WHICH ACCESSIBILITY AND SUSTAINABILITY IN EUROPE?” che farà il punto sulla situazione attuale.

Ecco il link con tutti i dettagli:

Scarica la brochure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *