Vaccini per donatori, l’ultima circolare consegna il mandato alle Regioni

Saranno le Regioni e le Province autonome a gestire i vaccini anti Covid-19 a favore dei donatori di sangue ed emocomponenti. A ribadirlo, arriva una circolare firmata dalla Direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute e pubblicata oggi, lunedì 10 maggio.

Ma cosa dice la circolare? Spiega che con l’aumento delle dosi di vaccino disponibili, ormai in arrivo in quantità importanti,  sarà possibile completare la fase di vaccinazione delle categorie a rischio.

Da quel momento “i singoli territori potranno definire le modalità per sottoporre a vaccinazione i donatori di sangue che, compiendo regolarmente il loro gesto solidaristico, assicurano la costante disponibilità di sangue, in particolare nel prossimo periodo estivo in cui in genere si registra un calo delle donazioni, per lo svolgimento delle attività trasfusionali, obiettivo essenziale del SSN”.

Nessun giro di parole dunque.

La responsabilità di vaccinare i donatori, dopo le lettere senza riposta inviate dal Civis, e dopo la confusione delle scorse settimane durante le quali aveva un po’ regnato l’anarchia, è chiaramente attribuita ai territori.

La speranza è che ciò non provochi discrepanze o inefficienza in grado di complicare la raccolta sangue nel paese.

Il commento di Gianpietro Briola, presidente di Avis nazionale, un chiaro assist volto ad aiutare i territori a organizzarsi per offrire il miglio servizio possibile.

“La decisione del Ministero – ha detto Briola – arriva in un momento in cui tutelare la salute dei donatori è l’obiettivo imprescindibile per garantire il fabbisogno quotidiano di sangue ed emocomponenti. Regioni e Province Autonome sono chiamate a un lavoro di coordinamento e organizzazione per il quale, lo diciamo fin da questo momento, le nostre sedi locali sono pronte a fornire il proprio contributo logistico, affinché la campagna proceda il più rapidamente possibile. La battaglia contro il Covid-19 possiamo vincerla solo se tutti gli attori del sistema sanitario e del volontariato saranno dalla stessa parte. E AVIS c’è”.

Il corso di formazione a distanza sul management dei donatori di sangue

Accrescere la sicurezza dei donatori attraverso la formazione è una delle esigenze più importanti di un sistema sanitario che funzioni: a tal scopo, il Centro nazionale sangue, ha da poco organizzato un corso di Formazione a Distanza (FAD) che ha come obiettivo quello di “aggiornare il personale operante nella rete trasfusionale sulle migliori modalità operative e sugli strumenti tecnologici utili per affrontare gli outbreak epidemici, rimodulando le attività di raccolta di sangue ed emocomponenti”

Ecco il comunicato ufficiale del Cns che spiega tutti i dettagli del corso: obiettivi, termini di iscrizione, categorie interessate:

“Sarà disponibile dal prossimo 30 aprile fino il FAD intitolato “Management dei donatori di sangue: programmazione e buone pratiche al tempo della pandemia COVID – 19 (COronaVirus Disease-19)” organizzato dal Centro Nazionale Sangue e dal Servizio Formazione dell’Istituto Superiore di Sanità. Il corso della durata di 16 ore sarà disponibile fino al 30 luglio 2021.

Descrizione
L’autosufficienza di sangue, emocomponenti (globuli rossi, piastrine e plasma) e prodotti derivati dal plasma, assicurata da donatori volontari, periodici, responsabili e non remunerati, rappresenta un obiettivo strategico per il Paese in quanto garantisce la copertura dei fabbisogni trasfusionali dei pazienti. Ai fini della programmazione e del monitoraggio dell’autosufficienza, vengono definiti gli elementi essenziali prioritari per
l’autosufficienza nazionale e regionale del sangue. I rilevanti mutamenti di scenario che si sono verificati con la pandemia da Sars-Cov-2 hanno reso necessaria una diversa programmazione della raccolta del sangue e degli emocomponenti. Le modalità di raccolta del sangue hanno infatti subito decisive modifiche a livello organizzativo che hanno costretto a rivalutare tutta la pianificazione, sia alla luce delle restrizioni introdotte dai DPCM che delle circolari emanate dal Centro nazionale sangue al fine di garantire la sicurezza di donatori, pazienti e operatori.


Scopo e obiettivi generali
Al termine del Corso il partecipante sarà in grado di:

  1. Identificare gli strumenti di programmazione e monitoraggio della raccolta di sangue in tempo di
    Covid-19
  2. Individuare le principali modalità di gestione del donatore di sangue da adottare durante una pandemia

Obiettivo formativo ECM
Tematiche speciali del SSN e/o SSR a carattere urgente e/o straordinario individuate dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua e dalle Regioni/Province autonome per far fronte a specifiche
emergenze sanitarie con acquisizione di nozioni di processo.

Metodologia didattica e modalità di erogazione
Il metodo didattico sarà ispirato ai principali modelli della formazione andragogica (Problem Based Learning). Erogazione tramite piattaforma www. eduiss.it

Destinatari e numero massimo di partecipanti
Il corso è riservato agli operatori sanitari dei Servizi Trasfusionali e delle associazioni/federazioni dei donatori di sangue, al personale amministrativo operante nei Servizi Trasfusionali e nelle Strutture Regionali di Coordinamento, ai volontari delle associazioni/federazioni dei donatori di sangue, agli addetti alla comunicazione/ufficio stampa delle SRC, delle Regioni/Province Autonome e delle associazioni di donatori
di sangue regionali e locali. Saranno ammessi un massimo di 600 partecipanti, di cui 300 partecipanti per i Servizi Trasfusionali e le Strutture Regionali di Coordinamento e 300 partecipanti per le associazioni di
volontariato, selezionati seguendo l’ordine cronologico di ricevimento della domanda di partecipazione da inviare all’indirizzo segreteriagenerale.cns@iss.it. Si intendono ammessi a partecipare solo coloro che ne riceveranno comunicazione a mezzo email.

Accreditamento ECM previsto per le seguenti figure professionali (tutte le discipline): Medico chirurgo, Infermiere, Biologo, Tecnico sanitario di laboratorio biomedico, Assistente sanitario.

Modalità di iscrizione
I partecipanti selezionati riceveranno una email con le istruzioni per iscriversi. Per ogni informazione attinente al corso contattare: segreteriagenerale.cns@iss.it”

L’occasione per professionisti e volontari è di quelle da non perdere, per accrescere i propri livelli di esperienza e le proprie competenze in materia trasfusionale, e per rendere il sistema sangue sempre più efficiente e sicuro.

Io dono, e ho (almeno) 10 motivi per farlo

Io dono è ho almeno 10 motivi per farlo. E voi? I motivi per donare sangue sono praticamente infiniti, ma un bell’esercizio, non di stile ma equiparabile a una vera e propria call to action, è scegliere quali sono i dieci principali motivi per farlo e per convincere tutti, amici e conoscenti, a farlo a loro volta.

A ordinarli, non per importanza, ma semplicemente per giocare a creare un elenco, ci ha pensato Avis Perugia, con un video molto breve – parliamo di circa 1 minuto – ma al tempo stesso estremamente efficace e veritiero, dal titolo “10 motivi per DONARE!”, un modo di comunicare che, si spera, possa avvicinare i giovani e convincerli a entrare nella comunità dei donatori.

Eccoli qui di seguito, come se fossero i 10 comandamenti del donatore:

  1. Io dono qualcosa di unico
  2. Io dono perché ho scelto di rendere un servizio
  3. Io dono e convinco gli amici a fare lo stesso
  4. Io dono e scopro il mio livello di salute
  5. Io dono e qualcuno lo farà per me
  6. Io dono e salvo vite umane
  7. Io dono e mi sento meglio
  8. Io dono perché posso e ho scelto sani stili di vita
  9. Io dono e conosco il mio gruppo sanguigno
  10. Io dono perché ho a cuore la prevenzione

Come decalogo non è niente male, ma si potrebbero aggiungere davvero tantissime altre ragioni. Ma soprattutto ce n’è una che le raccoglie tutte: se posso fare del bene, perché no?

La campagna Fidas per la raccolta del plasma iperimmune

Una marcia in più, quella che serve per compiere un gesto di solidarietà importante e donare plasma iperimmune, sia al fine di utilizzarlo clinicamente per i casi in cui il corpo medico di ciascun ospedale sul territorio riterrà opportuno farlo, sia per consentire la ricerca e la sperimentazione in atto attraverso il progetto Tsunami, che in Italia ha il compito di cercare e tracciare evidenze scientifiche sulla cura al plasma per contrastare il Covid-19.

Anche la Fidas, per numeri la seconda associazione di donatori più grande del Paese, propone sulla propria homepage una campagna per il dono del plasma da pazienti guariti.

Per chi volesse rispondere all’appello, sempre Fidas propone poi un vademecum con tutte le informazioni necessarie per i novelli donatori, una vera e propria lista di Faq che spiega ogni passaggio della filiera: dalle motivazioni, cioè a cosa serve il plasma iperimmune e perché è giusto donarlo, alle questioni relative alla sicurezza o a agli aspetti pratici del dono, con una lista completa di tutti i luoghi in cui è possibile donare.

Bisogna sempre ricordare che a oggi la terapia al plasma non è considerata una vera e propria cura standardizzata per il Covid-19, ma è una terapia compassionevole, il cui utilizzo è riservato alla decisione dei clinici che si occupano dei casi reali. Ma la donazione del plasma, culturalmente, deve essere diffusa come un gesto importante per tanti altri motivi: basti penare alle migliaia di pazienti che ogni giorno possono contare sui farmaci plasmaderivati salvavita senza i cui effetti non potrebbero sopravvivere.

“Riso fa buon sangue”, la manifestazione che unisce dono e sorriso

Riso fa buon sangue è un progetto di spettacolo legato al mondo del cabaret grazie a cui, da 10 anni, molti dei comici più noti e amati dal pubblico italiano promuovono la donazione del sangue attraverso il loro talento performativo in collaborazione con le tantissime sedi Avis italiane presenti sul territorio nazionale.

In questi anni, così, alcuni dei  migliori comici di trasmissioni popolarissime come Colorado Cafè, Zelig, Made in Sud, Comedy Central hanno girato le piazze e spinto gli spettatori a donare attraverso l’arma del divertimento.

Nel 2020, il 6 settembre, “Riso fa buon sangue” si sdoppia: a Malo (in provincia di Vicenza), come si legge sul sito di Avis Nazionale, andrà in scena una serata con ingresso libero al “Mercato del Pascoletto” di via Molinetto. Dalle 21:00, è previsto uno show in cui saranno ospiti i comici Marco e Francesco, Leo Mas, Vivian Grillo, Davide Stefanato e Paolo Favaro.

Sempre il 6 settembre, “Riso fa buon sangue” sarà anche a Macerata per celebrare il 70° anniversario della fondazione dell’Avis Comunale. Allo spettacolo partciperanno i comici Paolo Franceschini, Max Cavallari, Francesco Damiano e i Jashgawronsky Brothers.

In basso, ecco il video della tappa di Oderzo dello scorso 25 luglio, mentre a questo link è possibile vedere il canale YouTube della manifestazione, che riunisce moltissimi video dedicati.

Una manifestazione dallo spirito estivo che trova un percorso originale per convogliare i valori del dono. 

Briola, Liumbruno, Gringeri, Franchini. Giovedì 16 aprile alle 19 in diretta su DonatoriH24 gli esperti raccontano la terapia da plasma iperimmune

Invito-DEF

Una tavola rotonda tra alcune delle principali personalità del sistema trasfusionale e i medici precursori della terapia legata all’uso di plasma iperimmune. E’ questo l’evento che andrà in onda in diretta streaming domani sera giovedì 16 aprile alle ore 19 su Donatorih24.it. Un evento da non perdere perché consentirà al pubblico di sapere direttamente dai “protagonisti” qual è lo stato dei lavori, quali potenzialità ha realmente questa terapia e in che modo potrà incidere sulla salute dei pazienti, prima investendo gli ospedalizzati e poi ampliandosi strutturalmente ad altre categorie fino a diventare, si spera, prevenzione.  Ecco il comunicato stampa che descrive l’evento in tutti i suoi dettagli. Non resta che collegarsi e partecipare.

Quante e quali possibilità ha l’utilizzo del plasma dei convalescenti nella lotta al Covid-19? Può, questa terapia, essere davvero efficace nell’arginare l’epidemia? Quali prospettive reali apre e quali speranze può dare? Può funzionare anche nella prevenzione? Quali elementi di rischio – se ce ne sono – può comportare per chi riceve la donazione? E infine, quale potrà essere lo sviluppo delle immunoglobuline come terapia farmacologica?

Questi sono solo alcuni dei temi che si affronteranno e approfondiranno in diretta streaming giovedì 16 aprile, con inizio alle ore 19,00, all’indirizzo web www.donatorih24.it, grazie a un confronto fra quattro dei massimi esperti italiani aperto e pensato per informare il pubblico su uno dei temi più caldi del momento.

L’iniziativa organizzata da DonatoriH24 si intitola “Il dono dei guariti contro la pandemia. Plasma e anticorpi nella sfida al Coronavirus”.

La tavola rotonda si svolgerà a distanza – come le regole del momento impongono – e vedrà la partecipazione di Giancarlo Maria Liumbruno, direttore del Centro nazionale sangue; Massimo Franchini, direttore del Servizio trasfusionale dell’ospedale Carlo Poma di Mantova; Gianpietro Briola, presidente nazionale Avis; Alessandro Gringeri, Chief Medical e R&D Officer di Kedrion Biopharma azienda biofarmaceutica italiana specializzata nella produzione e distribuzione in tutto il mondo di terapie plasma-derivate, che ha contribuito all’iniziativa con un contributo incondizionato.

Chiunque vorrà seguire il dibattito potrà farlo andando sul sito donatoriH24.it e cliccando sul collegamento alla diretta in videostreaming. Parallelamente sarà possibile rivolgere domande al moderatore che le girerà agli esperti.

I contenuti saranno arricchiti da un intervento del professor Steven Spitalnik, della Columbia University di New York, cha ha appena attivato il protocollo per la donazione e l’impiego del plasma convalescente ed è fortemente impegnato nella ricerca di test e procedimenti che possano ottimizzare e rendere universale questo approccio.

Il tema al centro del dibattito è attualissimo: l’utilizzo del plasma dei convalescenti da Covid-19 in Italia è stato autorizzato nei giorni scorsi dal ministero della Salute con una circolare che prescrive una serie di indicazioni (raccomandazioni) molto precise. Pochi giorni prima una simile autorizzazione era stata data negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration. Ma i primi a sperimentare questa terapia contro il Covid-19 sono stati i cinesi, sulla scorta dell’esperienza maturata in passato in alcune aree del mondo contro le epidemie Sars ed Ebola.

Il Carlo Poma di Mantova è stato, con il San Matteo di Pavia, tra i primi centri ospedalieri autorizzati a portare avanti questa sperimentazione. A tale proposito sono già cominciate le ricerche tra i pazienti guariti da covid-19 per la raccolta del plasma da utilizzare per i pazienti attualmente in cura.

L’obiettivo dell’iniziativa in streaming sostenuta da Kedrion Biopharma è quella di spiegare come la donazione di plasma sia fondamentale nella lotta a molte patologie e contro le epidemie, inclusa quest’ultima i cui effetti stiamo vedendo quotidianamente in tutto il mondo. Il plasma e i suoi derivati costituiscono oggi una delle armi più efficaci per affrontare malattie rare che riguardano comunità trasversali di pazienti, ma spesso di questo non vi è sufficiente consapevolezza. Fino a quando, come sta avvenendo oggi, non accade qualcosa di epocale, che ci costringe tutti a un salto di comprensione.

Il pubblico a cui l’iniziativa si rivolge è costituito principalmente da operatori del servizio trasfusionale e dai donatori. In seconda istanza il pubblico nella sua accezione più ampia, visto che siamo tutti coinvolti da questa emergenza.

Appuntamento a giovedì 16 aprile, con inizio alle ore 19, su DonatoriH24.it

 

 

 

 

Coronavirus, sui media regnano le posizioni contrastanti, ma il dono è sicuro e bisogna donare sangue regolarmente. Lo ha ribadito il presidente Avis Gianpietro Briola

86934291_1869239543212119_6702641896742715392_n

Tutti abbiamo assistito alla tempesta mediatica delle ultime ore, ma quasi nessuno sui grandi media ha parlato delle conseguenza dei nuovi focolai sulla raccolta sangue. Cosa succede per i donatori di sangue, che si trovano nella situazione, all’apparenza delicata, di raggiungere le strutture trasfusionali per donare, ci sono rischi particolari?

Su Buonsangue ne avevamo già parlato lo scorso 3 febbraio, ma nella giornata di ieri domenica 23 febbraio, per evitare che sopravviva ogni dubbio, si è espresso in modo molto chiaro il presidente Avis Gianpietro Briola, attraverso un comunicato ufficiale.

«Sentito il Centro nazionale sangue, possiamo confermare che non vi sono indicazioni alla sospensione se non per alcune categorie, come già indicato dalla circolare del 20 febbraio, ha detto Briola, aggiungendo che “Per quanto riguarda le situazioni locali e le misure specifiche da adottare, si fa riferimento alle ordinanze di merito e all’ultimo decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri di ieri, 22 febbraio, che ha rafforzato le misure di contenimento. In generale si dona il sangue solo quando si è in buona salute, quindi i donatori devono comportarsi come sempre, seguendo il fondamentale criterio dell’autosospensione in caso di sintomi da raffreddamento e febbre o altri sintomi simili. È opportuno poi avere la sensibilità di comunicare alla struttura trasfusionale se tali sintomi sono comparsi nei 15 giorni dopo la donazione. Insomma, vige il principio di massima precauzione, ma è importante ribadire che il nostro sistema trasfusionale è sicuro e di qualità. Come #AVIS, insieme alle istituzioni nazionali e locali, stiamo costantemente monitorando la situazione e dando aggiornamenti puntuali. È molto importante tenere i nervi saldi, informarsi solo da fonti ufficiali e in generale, nella stragrande maggioranza del Paese, continuare a donare”.

Questa comunicazione è arrivata ai donatori avisini e in generale a tutti i donatori attraverso il sito dell’Associazione e a un post su Facebook di grande diffusione, che ha fatto seguito a un altro post di successo che conteneva le operazioni di prevenzioni principali.

AVIS Associazione Volontari Italiani del Sangue Prima regola mantenere la calma su Facebook il vademecum di AVIS contro il Coronavirus

Non possiamo che condividere le parole di Briola ricordando come l’attività del dono, periodico e associato, debba continuare ininterrottamente, giorno dopo giorno, per il bene dei paziento che hanno bisogno di emocomponenti e nelle migliori condizioni di qualità e sicurezza. Non è il momento delle psicosi o dei comportamenti immotivati o irrazionali.

 

 

A Perugia la prossima assemblea generale Avis, con in mente il desiderio di valorizzare il sistema italiano e adottarlo nel mondo

Post_twitter_con-indicazioni-1200x654

La notizia è arrivata, e ora non resta che attendere. L’assemblea generale Avis, giunta ormai all’edizione numero ottantacinque, si terrà a Perugia, nelle sale del Centro Congressi dell’Hotel Quattro Torri, dal 22 al 24 maggio 2020.

Il titolo? In linea con la giornata mondiale del dono del sangue, che arriverà poche settimane dopo il grande meeting e sarà organizzata dall’Italia: il claim di presentazione dell’iniziativa incarna un concetto chiaro e definito: “Un mondo di donazioni”, un augurio che descrive il peso e l’importanza internazionale di un gesto che non ha limiti al suo valore. È quello che noi di Buonsangue ci auguriamo, anche perché “Un mondo di donazioni” è un frase che sembra avere in sé la forza e l’energia necessaria per motivare e chiamare in causa i quasi due milioni di donatori di sangue periodici e associati che fanno parte di Avis.

Sul meeting di Perugia si è espresso il Presidente nazionale di Avis, Gianpietro Briola, che ha rilasciato una breve dichiarazione in cui si chiede soprattutto quale potrà essere in futuro il ruolo dell’Italia e del modello italiano, nel mondo. Riuscirà l’Italia, con il suo modello etico fondato sul dono anonimo, volontario, gratuito, associato e organizzato, a ergersi come modello guida nel meccanismo dell’approccio alla raccolta e nell’immaginario mondiale sull’importanza vitale del sangue come fonte di vita? «L’assegnazione da parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) della prossima giornata mondiale – ha detto Briola – ci riempie certamente d’orgoglio ma ci spinge anche a riflettere sul nostro ruolo a livello nazionale e internazionale. I numerosi eventi in programma quest’anno, compresa la nostra Assemblea, costituiscono l’occasione per confermare che un modello incentrato sulla donazione associata, etica, non remunerata, periodica e responsabile è quello che offre maggiori garanzie – qualitative e quantitative – sia ai donatori sia ai pazienti».

I pazienti quindi rientrano a pieno titolo nel discorso centrale della più grande associazione italiana. È un bene, come spesso abbiamo documentato, perché è la loro salute il migliore stimolo per motivare la comunità a sensibilizzarsi, nonché il decisivo approccio a fortificare, sul piano della comunicazione dei dono e dei suoi valori, il legame esistente tra chi dona il sangue e chi invece, ne ha bisogno per sopravvivere.

Tutti a Perugia a fine maggio dunque, per un’assemblea generale che si preannuncia davvero interessante che più avanti racconteremo nei dettagli.


 

Il dono del sangue dei cittadini migranti è sempre una buona notizia: i numeri positivi a Fucecchio, in Toscana, grazie al lavoro di Fratres

001docdocFucecchio2 (1)

In Toscana, da una cittadina in provincia di Firenze, Fucecchio, poco più di ventimila abitanti, arriva un bel segnale di integrazione che ci sembra giusto segnalare come caso virtuoso. E non si tratta soltanto delle più di mille donazioni ottenute in un anno dal gruppo Fratres cittadino, un numero comunque importante, ma soprattutto il numero dei nuovi donatori periodici che sono entranti nel gruppo nel 2019, ben 57, di cui addirittura 10 sono immigrati da altri paesi.

È proprio quest’ultimo l’aspetto che ci preme sottolineare: in un sistema trasfusionale nazionale che possa e debba pensare a garantire qualità e sicurezza nei servizi che offre, è bene che un numero rilevante di cittadini stranieri corrisponda a una quota altrettanto rilevante di donatori stranieri.

Tempo fa, nel 2017, avevamo pubblicato lo studio di Simone Benedetto, un giovane donatore laureato in medicina, studio incentrato sull’indagine degli scenari del dono che riguardano i cittadini migranti. Il suo scopo era stato partire da basi mediche, analizzando le caratteristiche dei gruppi sanguigni dei cittadini stranieri, al fine di comprendere in che modo il fenomeno dei flussi migratori possono incidere nei meccanismi trasfusionali.

Quello che emerso dallo studio in questione, è che un equilibrio tra gruppi sanguigni in misura alla loro diffusione è auspicabile, per via delle particolarità di nome “missing minorities” citate in un articolo scientifico del 2014, combinazioni genetiche particolari che secondo lo studio di Benedetto  fanno sì che alcuni soggetti “pur risultando di un determinato gruppo sanguigno, possiedono caratteristiche tali da non poter essere trasfusi da una normale sacca dello stesso gruppo, in quanto la loro particolare composizione genetica genera problemi di compatibilità. (…) missing minorities, che, essendo dei casi estremamente rari, saranno ancora più difficili da reperire in una popolazione circoscritta e con un minor tasso di donazione come è quella degli immigrati. Anche per questo motivo la sensibilizzazione degli stranieri al dono aiuterebbe a trovare più soggetti appartenenti a missing minorities in modo da poter soddisfare il diritto alla salute di chi purtroppo non può ricevere le normali sacche di sangue”.

Coinvolgere i donatori stranieri, insomma, è importante oggi come lo era allora, per motivi strettamente clinici e per motivi culturali. Immaginiamo pochissime altre attività profondamente inclusive come il dono de sangue, che avviene nel nome di una condivisione assolutamente libera, disinteressata e volontaria, emancipandosi da qualsiasi motivazione che non sia strettamente il bene della comunità in cui si vive.

A San Giovanni Rotondo, in Puglia, manca poco all’assemblea nazionale Fratres

Fratres-24-08-16

Sarà un week-end importantissimo per le associazioni di donatori di sangue quello che inizierà il prossimo venerdì, il 17 maggio, e proseguirà fino a domenica 19. Dell’assemblea generale e di nazionale Avis abbiamo già detto molto lo scorso 25 aprile, anticipandone temi e contenuti principali, ma in contemporanea, in Puglia, e precisamente a San Giovanni Rotondo, andrà in scena anche la 49esima assemblea nazionale dei gruppi donatori di sangue Fratres.

Il convegno si terrà al Centro di Spiritualità Padre Pio, e la scelta di una sede così pregna di significati simbolici non è certamente casuale per quella che, tra le associazioni di donatori italiane, ha sicuramente l’ispirazione e la vocazione più cattolica e più legata al credo religioso.

Nello scenario garganico saranno rappresentati quindi gli oltre “600 Gruppi Donatori di Sangue FRATRES operanti nel territorio nazionale, i dirigenti nazionali e territoriali del movimento e le Autorità civili, militari e religiose nonché quelle del settore socio-sanitario e del Volontariato Associazionistico in genere”.

Il focus, neanche a dirlo, sarà incentrato sulla necessità della raccolta, che scaturisce dai dati numerici osservati sotto la lente della statistica, giacché, come risulta dal comunicato stampa di presentazione,  emerge che “la necessità di trasfusioni è pari in Italia, ogni giorno, a quasi 8.200 unità di sangue per circa 1.800 persone, e non deriva solo da incidenti o situazioni di emergenza – come ancora purtroppo una grande parte della popolazione percepisce – bensì anche dalle emoglobinopatie che costringono a trasfusioni periodiche nonché ovviamente dagli interventi chirurgici programmati”.

Serve dunque portare più donatori ai centri trasfusionali, e serve non di meno investire tempo e risorse sull’informazione più giusta e accurata sul tema della donazione, che non deve essere scambiata per un semplice gesto di solidarietà occasionale in seguito a delle emergenze o a delle catastrofi, ma deve essere riconosciuta sempre di più come un comportamento di educazione civico assolutamente normale, parte integrante del nostro bagaglio culturale da cittadini.

Interessante, in quest’ottica, il parallelo con l’assemblea generale di Avis, che a corredo dei tre giorni di incontri ufficiali ha organizzato un modulo di formazione per giornalisti sugli stessi argomenti, in programma al mattino di venerdì 17 maggio.

Ecco, infine, in figura 1, il programma dei tre giorni targati Fratres, così commentati dal presidente nazionale dell’associazione, Sergio Ballestracci “L’Assemblea Nazionale Fratres torna a San Giovanni Rotondo dopo 15 anni, e, nonostante il rischio che alcune nostre realtà, più geograficamente lontane, potessero incontrare difficoltà alla partecipazione, quest’anno abbiamo aumentato notevolmente il numero di presenze di rappresentanti di Gruppi Fratres già in fase di iscrizione, raggiungendo un numero record di prenotazioni. Sicuramente questo dimostra un gran senso di responsabilità associativa, in funzione degli importanti argomenti in discussione, che consentirà una più partecipata concertazione e condivisione delle linee programmatiche dirigenziali che saranno ordinariamente proposte, dibattute ed approvate, risultando al contempo sia prezioso, per avere una platea molto rappresentativa del movimento per il dibattito interattivo associativo-istituzionale “Problematiche e strategie di raccolta sangue” del venerdì, che determinante, per consentire alla seduta straordinaria di sabato pomeriggio di poter democraticamente “Costruire Insieme il Futuro della Fratres”, pronunciandosi sulla riforma statutaria nazionale, regionale e territoriale, frutto di un lungo percorso di coinvolgimento associativo che si è anche, in itinere, combinato con le necessità di adeguamento al Codice del Terzo Settore e che completa quanto già introdotto tempestivamente per gli statuti dei singoli Gruppi – motivo che ha determinato il titolo di questa Assemblea”.

 49a ASSEMBLEA NAZIONALE DEI GRUPPI DONATORI DI SANGUE FRATRES FRATRES eventi dei gruppi

Fig.1

A tutti gli associati Fratres, e a tutti i donatori pugliesi, non resta che far tappa a San Giovanni Rotondo e partecipare al dibattito.