Donazioni di sangue e Pfas: chi dona abbassa i livelli

Il tema relativi agli PFAS, acronimo per sostanze perfluoroalchiliche – ovvero composti chimici molto usati in ambito di produzione industriale perché in grado di impermeabilizzare all’acqua e ai grassiè stato spesso seguito su Buonsangue, perché molto d’attualità in Italia e soprattutto in Veneto.

L’alta concentrazione di PFAS nel sangue comporta gravi problemi di salute, sia nell’apparato riproduttivo, sia per la tendenza a esporre maggiormente ai tumori, e negli ultimi anni le autorità venete hanno tentato varie strade per ripulire le terre e le popolazioni colpite, tra cui la plasmaferesi.

Cosa succederà, lo vedremo nel medio e lungo periodo, ma intanto una notizia interessante in tal senso arriva da una ricerca australiana pubblicata sulla rivista scientifica Jama.

I risultati? Eccoli.

Lo studio ha preso in considerazione 285 vigili del fuoco in servizio, tutti lavoratoti che hanno donato il sangue o il plasma varie volte per un anno intero. La scelta sui vigili del fuoco è motivata dal fatto che, per la loro attività, in generale i pompieri hanno una media più alta di PFAS nel sangue.

PFAS
Il ciclo degli PFAS

In base alla ricerca, 95 vigili del fuoco hanno donato sangue ogni 12 settimane, altri 95 vigili hanno donato plasma ogni 6 settimane e 95 pompieri non hanno mai donato, con l’effetto che nell’ultimo gruppo la quantità di PFAS non è cambiata.

A differenza, invece, di quanto è successo negli altri gruppi, dove sono diminuiti sensibilmente.

In particolare, le donazioni di plasma sembrano essere più efficaci, con un calo di PFAS anche del 30%.

I PFAS, lo ricordiamo, sono usati nella produzione di numerosi prodotti commerciali come tessuti, tappeti, pelli, cera per pavimenti, detersivi insetticidi, vernici, contenitori per il cibo, per cui fanno parte della vita contemporanea.

Sapere che donando sangue e plasma, possono essere tenuti sotto controllo, è una bellissima notizia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *