Una settimana intensa per il sangue, tra raccolte attese, sospese (per motivi diversi) e le novità sulla Chikungunya

camera_pink_red_white_abstract_blur_flower_color-292479

Momento intenso per il sistema sangue, dopo una settimana ricca di conferenze ed eventi che hanno raccolto insieme, specie a Castelbrando con il seminario Fiods (ecco il report approfondito di Buonsangue per la prima e la seconda giornata), alcuni tra i dirigenti e i professionisti più importanti del settore.

E se nei giorni scorsi abbiamo registrato, e indagato, un caso positivo di donazioni in eccedenza nella provincia di Lecco, su cui si è espresso il coordinatore del Centro Regionale Sangue Lombardia Davide Rossi, dalla Sicilia arriva una segnalazione opposta: alla Fratres di Letojanni, in provincia di Messina, è stata sospesa una sessione organizzata per i donatori, e dunque la raccolta sangue locale, a causa di intoppi burocratici: in particolare, dietro la sospensione c’è una disposizione piuttosto “discussa” dell’Azienda provinciale sanitaria di Messina. Secondo la Asp messinese infatti, due dottoresse della Fratres Letojanni, entrambe dipendenti dell’Asp all’Unità di medicina trasfusionale dell’ospedale di Taormina, non potrebbero operare durante le raccolte speciali perché in conflitto di interessi nello svolgere “attività che comportano prestazioni rese a favore di soggetti nei confronti dei quali l’Azienda svolge funzione di controllo o vigilanza e con i quali abbia rapporti commerciali”.

Secondo la legge, infatti, il lavoro nel Servizio sanitario nazionale è incompatibile con l’esercizio di altre attività. Ma è questo il caso? Sembra proprio di no. Carmelina Micalizzi, presidente della Fratres Letojanni, ha già inviato uno lettera di risposta all’Asp Messina in cui chiarisce che “L’Unità di raccolta Fratres di Letojanni è stata accreditata dalla Regione nel 2014, e la verifica dei requisiti svoltasi il 29 maggio scorso ha avuto esito positivo e tutta la documentazione ispezionata e vidimata dagli ispettori è stata redatta dalle dottoresse Cavallaro e Caminiti (le due dottoresse bloccate n.d.r.) che hanno anche fornito il loro curriculum da cui si evince come siano dipendenti dell’Asp, e che la loro attività nella Fratres è puramente volontaria e gratuita”. Inoltre, dalla Fratres, è arrivata la richiesta di autorizzare le dottoresse a riprendere l’attività associativa entro 10 giorni, in modo che il danno stimato in fatto di raccolta da questa sospensione, circa 200 sacche, non incrementi ulteriormente. Vedremo cosa succederà.

Intanto, tra le altre notizie da segnalare per questo fine settimana, c’è un evento sicuramente imperdibile per tutti gli amanti del fumetto e del mondo della donazione di sangue: la presentazione de “Il colore della vita” il fumetto realizzato da Avis in collaborazione con la Scuola Internazionale di Comics sulla vita del fondatore di Avis Vittorio Formentano, opera già presentata a Roma con la presenza live di Buonsangue e in programma al Lucca Comics venerdì 3 novembre alle 10.
Una bellissima occasione per conoscere gli autori, i disegnatori e la ragioni profonde dietro la pubblicazione di quest’opera, in un contesto speciale come quello di Lucca e del suo più importante festival.

invito-3-768x758 (1)

Dal Centro Nazionale sangue, invece, arriva una segnalazione sulla Chikungunya: è finita l’emergenza più stringente e riprende la normale raccolta all’ASL Roma 2, pur restando in vigore l’applicazione della quarantena per cinque giorni su ogni sacca raccolta, per motivi di sicurezza. Ancora sospesa, invece, la raccolta sangue ad Anzio. Ottimo il risultato, sul piano della compensazione: dall’inizio dell’emergenza sono state ben 6400 le sacche arrivate nel Lazio, settimana dopo settimana.

Sempre dal CNS apprendiamo inoltre che le prime 1500 fiale di fattore VIII per la cura dell’emofilia messe a disposizione dalla Regione Lombardia, sono state inviate in Armenia, come primo atto di un accordo di collaborazione internazionale tra il Centro Nazionale Sangue e il Centro Ematologico Prof. R. H. Yeolyan” del ministero della salute armeno: un programma di collaborazione che ha come macro obiettivo quello di impostare in Armenia un sistema di raccolta sangue simile a quello italiano, ovvero gratuito, anonimo, volontario e organizzato.

Tornando al piano della raccolta interna, per fortuna, non si registrano particolari carenze o necessità. In Toscana, il Meteo del Sangue ci dice che l’emergenza riguarda solo il gruppo 0, con qualche fragilità per

i gruppi A+ e AB-.

https web2.e.toscana.it crs meteo (1)

Diverse invece le raccolte previste per il week-end, a cominciare da Marsala, con un ampio programma di donazioni speciali che copre l’intero mese di Novembre, per proseguire a Frosinone

a Mortara in provincia di Pavia,

e a Cirò Marina in provincia di Crotone, tutti appuntamenti datati sabato 5 novembre.

Tuttavia, per scoprire tutte ma proprio tutte le donazioni speciali attive in Italia in questo fine setttimana, come ricordiamo spesso non vi è metodo migliore che utilizzare Facebook.

Usato fin troppo a scopo ludico, il social network per eccellenza è sottovalutato per la sua capacità informativa. È invece possibile consultarlo per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal fine settimana pronto a iniziare oggi venerdì 3 novembre, proseguendo con le donazioni in programma da questo fine settimana fino a fine mese. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia.

donazione Ricerca di Facebook

Dopodiché, il passo per andare a donare è davvero breve.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *