La plasmaferesi: cos’è e a cosa serve

plasmaferesi-lavaggio-sangue

Di recente noi di Buonsangue.net abbiamo accennato a quel che potrebbe accadere se l’apertura al libero mercato nel sangue si estendesse dall’aggregazione regionale guidata al Veneto al resto d’Italia: una delle più logiche conseguenze sarebbe la riduzione della raccolta del plasma via plasmaferesi. È importante però capire bene ogni dettaglio:

Iniziamo allora a spiegare a chi volesse avvicinarsi alla donazione del plasma, quali benefici genererebbe: il plasma è la componente liquida del sangue, una sorta di autostrada nella quale le cellule sanguigne possono circolare. È costituito prevalentemente da acqua (oltre il 90%), in cui sono disciolte proteine, zuccheri, grassi, sali minerali, ormoni, vitamine, anticorpi e fattori della coagulazione.

La plasmaferesi è il processo attraverso cui, tramite centrifugazione, gli elementi contenuti nel plasma si separano, a scopo emotrasfusionale e terapeutico. Si ottengono così plasmaderivati come l’albumina, una proteina che contiene componenti del sangue e sostanze nutritive utilizzata per curare di alcune malattie del fegato e dei reni (cirrosi, nefrosi, ecc.) per la cura di stati patologici gravi come lo shock da ustioni.  Le immunoglobuline invece sono sostanze protettive o che servono a proteggere le persone che non hanno anticorpi specifici per una determinata malattia, permettendo quindi di ovviare a deficit del sistema immunitario. Ancora, i fattori della coagulazione VIII e IX sono altrettanto fondamentali per i pazienti affetti da emofilia A e B, poiché, questi plasma derivati se altamente purificati sono decisivi per consentire una vita quasi normale a chi soffre di emofilia.

Molti altri sono i plasmaderivati che usati a scopo terapeutico aiutano la salute pubblica, per esempio i Fattori VII, XI e XIII, la Proteina C, il Fibrinogeno, tutti esclusi dall’obbligo di essere garantiti dal NAIP del Veneto, che per ottenere questi prodotti dovrà ricorrere al libero mercato.

Insomma: risparmio perduto, complicazioni sul piano della plasmaferesi, danno alla salute pubblica. Perché allora tanta autocelebrazione mediatica e nessun dubbio? Buonsangue.net continua a non trovare alcuna giustificazione per comuni mortali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *