Accrescere l’importanza del volontariato e rafforzare la battaglia alle fake news: le massime istituzioni nazionali indicano due obiettivi chiari per il 2019

mattarella

Ci sarà tempo per pianificare le strategie nel dettaglio, per aggiornare i piani nazionali, per affinare quella capacità di lavorare in sinergia sempre più necessaria tra le tre gambe che formano il sistema sangue (istituzioni, professionisti del settore trasfusionale e donatori associati), ma intanto dalla massima istituzione nazionale, il Presidente della Repubblica, e dalla istituzione guida quando parliamo di questioni legate al sangue, il Centro nazionale sangue, arrivano sin dall’inizio del 2019 due obiettivi da perseguire molto netti e precisi.

Iniziamo dal presidente Mattarella, che nel discorso alla nazione del 31 dicembre, ha dedicato molto spazio al volontariato, e al ruolo chiave che svolge per il paese. Avis Nazionale ha riportato la notizia sul proprio sito.

avis 1

Mattarella ha ribadito quanto il ruolo dei volontari sia fondamentale per l’efficienza del sistema Italia, evocando l’atto del dono gratuito, qualunque esso sia, come massimo esempio positivo per la comunità intera, giacché non di rado nella storia del paese la forza del dono e del gesto solidale si è spinta – ha detto il Presidente della Repubblica – “in luoghi remoti non raggiunti dalle pubbliche istituzioni”.

Un volontariato che già in passato è stato in grado di ritagliarsi un ruolo attivo e decisivo nel sistema sanitario nazionale, che Mattarella ha citato come vanto ed esempio di eccellenza nel paese, con un riferimento diretto alla recente celebrazione dei quarant’anni della legge 833/78 svoltasi a Roma a metà dicembre 2018. Un evento a cui abbiamo avuto l’occasione di partecipare e che abbiamo raccontato sul blog. Il volontariato dovrà dunque accrescere il suo peso futuro e lavorare sempre più in sinergia con le istituzioni, proprio come ha sancito il proficuo accordo programmatico tra le otto principali associazioni di volontariato italiane e il Miur, attraverso il largo protocollo d’intesa firmato a fine delle celebrazioni, e pensato con l’obiettivo di investire in modo ancora più efficace su educazione e formazione delle nuove generazioni ancora in età scolastica.

E da dove si potrebbe cominciare? Da quale obiettivo primario?

Un suggerimento importante arriva dal Centro nazionale sangue, che proprio nei giorni scorsi ha pubblicato un post su Facebook molto seguito e ripetutamente condiviso, sul tema sempre attuale della battaglia alle fake news.

Richieste di sangue false, appelli scorretti alla solidarietà verso bambini fintamente malati di leucemia, catene di Sant’Antonio di chiara origine ingannevole, hanno spesso il sangue come oggetto: a noi è già capitato di parlarne in passato, ma sul sito www.bufale.net vi è uno studio molto approfondito che il Cns consiglia di consultare. L’occasione è arrivata da un caso ricorrente di cui si è parlato su alcuni organi di stampa locale come BresciaSetteGiorni.it, ovvero un messaggio di WhatsApp girato sul territorio che chiede una donazione di sangue speciale per un bambino di nome Riccardo Capricciosi malato di leucemia, bisognoso di sangue del gruppo B.

cns

Ovviamente la notizia è falsa, e lo studio di www.bufale.net dimostra addirittura che questo messaggio gira ciclicamente dal 2007. Ma come nascono le fake news? Perché nascono? Come riconoscerle? Che danni producono, e come è perché contrastarle? Se pensiamo alla centralità assoluta che lo smartphone ha acquisito nella vita comune di tutti e in particolar modo in quella degli adolescenti, diventa evidente che una formazione che li prepari, e che sappia stabilire dei filtri per facilitare l’orientamento di chi entra nel grande mare informativo del web, è strettamente necessario. Pensiamo a volontari professionisti di settore che promuovere momenti di incontro negli istituti scolastici per spiegare ai ragazzi la complessità del mondo del web, i suoi segreti e le sue zone oscure, la coesistenza persistente di vero e falso, di falso che imita il vero e si mimetizza nei comportamenti abitudinari e codificati del nostro tempo: come un semplice messaggio di WhatsApp che può diventare una richiesta truffaldina e che fa leva sui sentimenti umani positivi, come solidarietà e generosità. A volte a scopo di lucro, come quando i messaggi sono finalizzati ad hackerare dati personali o a indurre a donazioni, a volte semplicemente per il gusto dell’inganno come nel caso citato da BresciaSetteGiorni.it.

Fare formazione ai più giovani significa soprattutto questo: entrare nel loro mondo e offrire strumenti di orientamento più che definire obblighi o imposizioni. Con lo scopo finale di introdurre le nuove generazioni all’abitudine al dono, al gesto solidale, non secondo un principio dogmatico di ciò che è “giusto in quanto giusto” ma secondo il massimo grado possibile di consapevolezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *