Dal primo dicembre sono sospese le misure speciali sul West Nile virus: ecco i numeri del 2018

mosquito-2323906_960_720

Il grande freddo dicembrino non ha solo indicazioni negative: tra i benefici che porta, al di là delle opinioni soggettive dei meteoropatici, c’è sicuramente la temporanea scomparsa delle zanzare, e di conseguenza del loro ruolo come agente di diffusione di virus pericolosi come il West Nile.

Per tutto il periodo estivo, l’Istituto superiore di Sanità, in collaborazione con il Centro nazionale sangue, hanno operato in modo costante per monitorare la situazione ogni giorno, per stabilire di conseguenza quali misure fossero le più corrette e offrire settimanalmente i bollettini con le statistiche aggiornate, interamente disponibili qui: http://www.epicentro.iss.it/problemi/westNile/bollettino.asp.

Il 27 giugno scorso era stato varato il Piano nazionale integrato di sorveglianza e risposta ai virus West Nile e Usutu – 2018, bibbia per la sorveglianza epidemiologica sul territorio nazionale, e poiché come sancisce la circolare del Centro nazionale sangue del recente 27 novembre 2018 non risultano segnalazioni di ulteriori casi di West Nile Virus che abbiano contemplato casi umani dopo il 31 ottobre, le misure speciali sono sospese a partire dal primo dicembre, fatta eccezione per quella che riguarda i viaggiatori in Usa e Canada (per i quali resta attiva la sospensione per 28 giorni al dono a partire dal loro rientro). L’ultima segnalazione, con la tabella sinottica del 16 novembre scorso in figura 1, aveva riguardato invece la Serbia.

Tabella sinottica 16.11.2018

Fig.1

Ma quali sono i numeri del 2018?

Li possiamo contemplare grazie alla figura 2: 577 sono i casi umani totali confermati, di cui 230 si sono verificati nella forma più grave, quella neuro Invasiva. Come sempre, le regioni del Nord Italia, nell’area padana e attraversata dal fiume Po’ sono le più colpite, come dimostrano i 100 casi di WNV più gravi che riguardano l’Emilia Romagna.

Presentazione standard di PowerPoint WN

Fig. 2

In figura 3 invece possiamo vedere come, di questi 230 casi gravi, ben 121 abbiano riguardato persone sopra i 75 anni di età. 42 sono invece i casi di malati deceduti, per la stragrande maggioranza nella fascia di persone più anziana, a testimonianza che le maggiori accortezze devono essere prese proprio per la popolazioni over 75. Infine, in 68 occasioni il WNV ha colpito donatori di sangue impedendo loro di andare temporaneamente a donare.

Presentazione standard di PowerPoint wn2

Fig. 3

Ci sarà tempo, adesso, per prepararsi al 2019, prendendo tutte le misure necessarie per cercare di contenere i contagi ancora con maggiore efficacia, e per massificare l’utilizzo del test WNV NAT “quale alternativa al provvedimento di sospensione temporanea dei donatori che hanno trascorso almeno una notte nelle aree interessate”, così come ha ricordato in questi mesi il Cns. Salvaguardare la raccolta sangue e la sicurezza, in tutti i periodi dell’anno, nel nome dell’autosufficienza, è sempre la principale priorità.

West Nile, la situazione non si placa: prolungate le misure straordinarie per tutto il mese di novembre

blood-158837_960_720

È stata una stagione molto difficile per la gestione sanitaria del West Nile Virus.

Su Buonsangue abbiamo seguito il caso a cadenze regolari, monitorando il quadro complessivo a metà ottobre, quando in molte zone d’Italia i timori erano in aumento:

Il West Nile Virus crea ancora timori, soprattutto a nord-est: il bilancio complessivo a ottobre

E prima ancora a settembre, quando i focolai erano ancora in crescita e la priorità era corroborare l’ampio spettro informativo:

West Nile Virus: aumentano i casi in molte zone d’Italia. Ecco come essere sempre informati

Il monitoraggio è stato continuo per tutta l’estate, quando serviva entrare nel merito settimana dopo settimana:

Agosto entra nel vivo: non solo caldo e calo endemico, crescono i casi di West Nile Virus. Tutte le news del week-end

Giacché in pochi giorni, nel mese di luglio, servirono ben 8 circolari di aggiornamento per seguire il fenomeno in tempo reale:

Crescono i casi di West Nile Virus in Italia e nell’area mediterranea orientale, dal 18 luglio al 27 ben 8 nuove circolari. Per i viaggiatori, il solito imperativo “prima donare, poi partire”

Insomma, Il 2018 si è contraddistinto per un quadro complesso che sembra non voler ancora giungere al termine. È di qualche giorno fa, infatti, la notizia, diramata dal Centro nazionale sangue e da altri attori istituzionali come Avis Nazionale, che “In considerazione della particolare intensità dell’infezione da West Nile Virus nella stagione estivo-autunnale in corso, il Centro Nazionale Sangue ha diramato il 24 ottobre una nuova circolare che spiega come il monitoraggio sul virus proseguirà anche per tutto il mese di novembre. Resteranno quindi in vigore anche tutti i provvedimenti di sospensione per 28 giorni per i donatori nelle province italiane (o nelle regioni estere) interessate, a meno che non venga eseguito il Nat Test sui donatori”.

Allerta e controllo con occhi aperti al massimo anche per tutto novembre dunque, per continuare quell’opera di sorveglianza che secondo il sottosegretario alla Salute Armando Bartolazzi, finora ha dato buoni frutti. Nell’intervista rilasciata a Quotidiano Sanità, Bartolazzi ha sottolineato che in base all’eccezionalità della situazione epidemiologica, rappresentanti dell’Iss, delle Regioni i e degli Istituti zooprofilattici hanno potuto verificare in riunione che le misure di controllo e la sorveglianza dei casi “stanno funzionando correttamente”, così come sono state intensificate le misure straordinarie di disinfestazione secondo le indicazioni del Piano nazionale.

Ma quali sono i numeri della diffusione West Nile 2018, che nonostante l’ottimismo di Bartolazzi continuano a creare apprensione in molte regioni italiane e hanno complicato non poco le operazioni di raccolta sangue in questi ultimi mesi? Li scopriamo attraverso il bollettino aggiornato dell’Istituto Superiore di Sanità pubblicato lo scorso 25 ottobre.

Come vediamo in figura 1, a partire da giugno sono stati segnalati ben 561 casi umani confermati di infezione da West Nile Virus (WNV) soprattutto al nord (giacché con le lagune venete e ferraresi e i grandi bacini fluviali la diffusione della zanzara è favorita): sul totale, 224 si sono manifestati nella forma più grave, quella neuro-invasiva (sono stati 62 i casi Veneto, addirittura 100 Emilia Romagna, meglio in Lombardia con 16 casi Lombardia, un numero rilevante in Piemonte con 34, solo 3 in Sardegna, 8 in Friuli Venezia Giulia, e il solito caso singolo segnalato in Molise ma importato dalla Grecia). Purtroppo, i deceduti sono stati 41 (solo uno in Lombardia, 13 in Veneto, 21 in Emilia Romagna, 3 in Piemonte e 3 in Friuli Venezia Giulia).

I restanti 270 casi sono emersi invece come febbre (66 segnalazioni in Emilia-Romagna, 183 in Veneto, 7 in Lombardia, solo 4 in Piemonte e 10 in Friuli Venezia Giulia).

Presentazione standard di PowerPoint

Fig. 1

I donatori in donatore di sangue interessati, infine, sono stati 67, di cui ben 30 in Emilia Romagna, 14 in Veneto, 9 in Piemonte, 10 in Lombardia, 3 in Friuli Venezia Giulia e solo uno in Sardegna.

Se invece analizziamo le fasce d’età colpite, con l’ausilio della tabella 1, ci accorgiamo che in ben 117 casi sui 223 in cui la malattia si è manifestata in forma neuro-invasiva, la fascia d’età colpita è quella degli anziani sopra i 75 anni, mentre 54 sono i casi registrati nella fascia immediatamente più giovane, ovvero quella che va dai 65 ai 74 anni.

Presentazione standard di PowerPoint (1)

Tab. 1

Dalla tabella sinottica pubblicata sul sito del CNS il 19 ottobre scorso, infine, apprendiamo le ultime novità in fatto di territori in cui anche un solo pernottamento attiva le misure di controllo speciali per i donatori: si tratta della Francia (Pirenei orientali e Dipartimento della Corsica del sud), e della Puglia, con la provincia BAT (Barletta – Andria – Trani) come nuovi territori interessati.

Tabella sinottica 19.10.2018

Fig. 2

La più grande attenzione da parte di tutti i soggetti interessati dunque non dovrà venir meno, e in particolar modo ci si aspetta grande partecipazione da parte dei donatori periodici che conoscono bene il problema per la sua ciclicità, in attesa che l’abbassamento delle temperature dovuto all’inverno elimini il grande fattore di trasmissione del West Nile Virus, ovvero le zanzare.

 

Il West Nile Virus crea ancora timori, soprattutto a nord-est: il bilancio complessivo a ottobre

bug-160025_960_720

Nonostante l’autunno sia ormai entrato nel vivo, l’allarme generalizzato per la diffusione del West Nile Virus è ancora molto alto, anche perché il freddo sterminatore delle zanzare tarda ad arrivare.

Così, in questo inizio di ottobre non sono pochi i casi che si registrano in tutto il nord Italia, talvolta presentati anche con un eccesso di allarmismo. Basta cercare infatti sulle testate di stampa locale per accedere a una rassegna stampa che tende a presentare un quadro grave e particolarmente allarmante. Ecco alcuni esempi:

https://www.ilrestodelcarlino.it/ferrara/cronaca/morti-west-nile-1.4221771

https://www.modenatoday.it/cronaca/quarto-decesso-west-nile-modena-4-ottobre-2018.html

http://www.padovaoggi.it/politica/west-nile-virus-commissione-regionale-permanente-veneto-padova-03-ottobre-2018.html

http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2018/10/03/news/west-nile-nona-vittima-a-ferrara-febbre-alta-poi-la-micidiale-encefalite-1.17315816

Sacche di sangue infetto nel novarese: è il West Nile

Certo, la questione West Nile Virus non deve essere sottovalutata, e anzi è un bene che vi sia un alto livello di controllo e di “engagement” da parte delle istituzioni con la creazione di commissioni permanenti, ma non è assolutamente corretto far passare un messaggio catastrofista secondo cui dalla puntura delle zanzare alla malattia fulminante la strada vi è un percorso breve e senza ostacoli.

Qual è la realtà? Eccola nei numeri.
Se leggiamo il bilancio complessivo del 2018 aggiornato al 4 ottobre (in figura 1 i dati espressi in infografica per provincia), scopriamo che da giugno sono stati segnalati 514 casi confermati di infezione da West Nile Virus (WNV) che hanno colpito l’uomo, di cui 211 si sono manifestati nella forma grave ovvero quello neuro-invasiva. Sul piano regionale 59 casi sono arrivati in Veneto, 97 in Emilia-Romagna, 16 in Lombardia, 30 in Piemonte, 3 in Sardegna, 5 in Friuli Venezia Giulia e 1 solo caso segnalato dal Molise che arriva dalla Grecia. 35, non pochi, sono invece i casi di decesso, così divisi per regione: 1 in Lombardia, 11 in Veneto, 19 in Emilia-Romagna, 2 in Piemonte, 2 in Friuli Venezia Giulia).
Sono 241 i casi di WNV manifestatosi come febbre, 66 in Emilia-Romagna, ben 157 in Veneto, 7 in Lombardia, 4 in Piemonte, 7 in Friuli Venezia Giulia).
Infine, si contano 62 casi di WNV identificati in donatore di sangue, ben 30 in Emilia-Romagna, 13 in Veneto, 7 in Piemonte, 9 in Lombardia, 2 in Friuli Venezia Giulia e 1 solo in Sardegna.

Presentazione standard di PowerPoint (2)

Fig.1

In figura 2, si può invece constatare come su 210 casi (non è contemplato il caso molisano che arriva dalla Grecia), ben 114 casi, ovvero più del 50%, colpiscano persone con più di 75 anni di età, fascia in cui naturalmente sono concentrati anche quasi tutti i casi di mortalità.

Presentazione standard di PowerPoint (3)

Fig.2.

Infine, in figura 3, ecco l’ultima tabella sinottica con le rilevazioni territoriali del Centro nazionale sangue aggiornate all’8 ottobre 2018. In infografica, sono elencate le zone in Italia e all’estero per le quali anche un breve soggiorno di una sola notte implica l’attivazione delle misura di sicurezza anti diffusione, ovvero lo screening preventivo per mezzo del test Nat (misura raccomandata dalle autorità sanitarie al fine di limitare l’incidenza del virus sulla raccolta sangue), o la sospensione temporanea del dono del sangue per 28 giorni.
Alle zone del nord Italia di solito più colpite si aggiungono la Sardegna intera, le terre del basso Lazio e la provincia di Matera. All’estero invece, le nuove rilevazioni più recenti arrivano dal Principato di Monaco (8 ottobre) e dallo Stato federato del Burgenland in Austria (1 ottobre).

Presentazione standard di PowerPoint

Fig.3

Grande attenzione dunque per tutti coloro i quali negli ultimi 28 giorni hanno soggiornato in queste zone, mentre chi ha in programma viaggi o spostamenti verso le destinazioni a rischio è molto meglio programmare una donazione di sangue prima di partire.

West Nile Virus: aumentano i casi in molte zone d’Italia. Ecco come essere sempre informati

mosquito-2323906_960_720

Per l’arrivo del freddo e la naturale eliminazione delle zanzare ci vorrà ancora un bel po’, e così, intanto, i problemi legati alla diffusione del West Nile Virus tramite questo parassita non accennano a diminuire. Anzi, semmai aumentano. Soltanto nelle ultime 48 ore, segnalazioni a mezzo stampa arrivano da ogni parte del nord Italia e dalla Sardegna, ma anche dal Lazio.

Il Sussidiario.net riporta che il virus è ormai sbarcato in Sardegna, anche se Il bollettino dell’Istituto Superiore di Sanità parla di “dimostrata circolazione del virus della Febbre del Nilo solo nell’animale vettore” e richiama l’attenzione sul caso di un anziano residente in Piemonte costretto al ricovero in ospedale e sul contagio di alcuni cavalli nel Lazio, a Cisterna di Latina.

Poiché il coinvolgimento della Sardegna è abbastanza recente, il portale Sardegna in Blog ha dedicato al tema un lungo approfondimento, spiegando sintomi, modalità di diffusione e casistica della malattia West Nile, dalla totale assenza di sintomi (l’80% dei casi), fino all’unico caso su mille in cui il contagio può essere letale.

L’Arena, quotidiano di Verona, dedica al caso uno speciale, e testimonia che finora i cittadini veneti colpiti dal virus sono addirittura 180. Sempre in Veneto, il Corriere delle Alpi sceglie un taglio molto allarmista che non condividiamo, spostando l’attenzione sui problemi legati alla donazione di sangue, inserendo nella notizia anche i casi di punture di zecche, mentre a Treviso, come riporta Treviso Today, il West Nile Virus è oggetto di una contesa politica, con il consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni che ha parlato apertamente di “problema sottovaluto”, e ha chiesto le dimissioni dell’assessore alla Sanità della giunta Zaia Luca Coletto.

La Nuova Ferrara, in Emilia Romagna, si spinge invece oltre il crisma della territorialità e riporta la tabella dei casi in cui la malattia è degenerata nella sua forma più invasiva e fastidiosa, quella neuroinvasiva, forma che di solito colpisce gli anziani e che, a quanto pare, non risparmia nemmeno i giovani, con nove contagi nella fascia d’età compresa tra i 15 e i 44 anni su un totale di 148.

Caso grave anche a Piacenza, come scrive il quotidiano Libertà, e sempre per restare in Emilia Romagna approfondimento anche da parte della Gazzetta di Modena, che parla di un notevole incremento di casi rispetto agli anni scorsi.

Per completare il novero dei territori al nord, anche dal Friuli Venezia Giulia arrivano segnalazioni: Il Piccolo avvisa di un caso di contagio nel Monfalconese, a Ronchi dei Legionari in provincia di Gorizia, un caso che per fortuna è stato già curato.

Infine la situazione nel Lazio, a Latina: a essere colpiti, in questo caso, sono alcuni cavalli (così come a Brescia), ma secondo la regione Lazio la situazione è sotto controllo.

E per quanto riguarda il sistema sangue? L’aumento dei casi di West Nile è sicuramente tra le cause, assieme al calo endemico dei mesi estivi, che hanno complicato la raccolta in questo mese di settembre, provocando carenze generalizzate in molte regioni italiane e in particolar modo in Toscana, Lazio, Campania e Basilicata.

Tuttavia non bisogna smettere di andare a donare: il Centro nazionale sangue pubblica a cadenze regolari gli aggiornamenti sulla situazione e la tabella sinottica dei luoghi in Italia e all’estero per le quali anche un breve soggiorno di una sola notte implica l’attivazione delle misura di sicurezza anti diffusione, ovvero lo screening preventivo per mezzo del testNat (misura raccomandata dalle autorità sanitarie proprio al fine di limitare il calo di donazioni estive), o la sospensione temporanea del dono del sangue per 28 giorni.

Ecco in figura 1 la tabella aggiornata a venerdì 14 settembre. Chi deve spostarsi da zone incontaminate a zone in Italia e all’estero in cui invece si sono registrati casi, è meglio che vada a donare prima di viaggiare. Solo attraverso la conoscenza e l’informazione, si possono limitare i danni.

Presentazione standard di PowerPoint (1)

Fig.1

È la settimana di Match It Now, cultura del dono su 180 piazze italiane. E poi le news su carenze, West Nile e iniziative speciali

602572-b

È trascorsa un’altra settimana verso la normalità. Settembre entra nel vivo con i suoi ritmi meno influenzati dal caldo e dal sole, ma i giorni sono complicati in virtù della carenza grave segnalata lo scorso venerdì dal Centro nazionale sangue, 800 sacche in Basilicata, Campania, Lazio e Toscana. Cos’è successo in proposito?

Dalla Basilicata arrivano buone notizie: l’emergenza sta completamente rientrando. A comunicarlo è l’Avis regionale attraverso La Gazzetta della Val d’Agri, che ringrazia i donatori e chiede alla regione che non vi siano più problemi di trasporto (sacche e personale) a causa dell’assenza di carburante nei mezzi preposti. Un richiesta più che legittima.

Purtroppo non evolve in modo altrettanto positivo la situazione in Toscana, dove l’emergenza prosegue ormai da diversi giorni. Il calo di donazioni estive ha sicuramente influito, e per ora la situazione è complicata per quasi tutti i gruppi. Emergenze per A-, 0+ e 0-, urgenza pe il B-, fragilità per A+, B+ E AB- e unica eccedenza per l’AB+.

https web2 e toscana it crs meteo

Fig.1

Eppure in questi giorni la risposta dei donatori non è mai mancata: a Fucecchio, per esempio, comune che fa parte della città metropolitana di Firenze, andrà in scena per tutto il week-end, a partire da oggi 14 settembre fino a domenica 16, la Festa del Donatore organizzata da Fratres, volta a sensibilizzare la comunità sulla cultura del dono attraverso manifestazioni ed eventi.

In Campania si prova a rintuzzare l’emergenza attraverso l’organizzazione di donazioni speciali: per esempio, in Irpinia, a Chiusano San Domenico (Avellino) è ancora la Fratres a mobilitare i propri affiliati, affinché vadano a donare durante l’intera mattinata del 16 settembre.

Per quanto riguarda il Lazio, dove le carenze sono abbastanza generalizzate, è sempre necessario donare. Sul sito della Regione, è possibile consultare un’esaustiva tabella che contiene tutte le informazioni sui luoghi dove farlo al link https://www.salutelazio.it/donare-il-sangue.

Anche nelle altre regioni tuttavia non mancano le iniziative: in Friuli a mobilitarsi, come ci racconta il quotidiano on-line Il Friuli, è l’apparato militare a darsi da fare, con una donazione speciale in caserma al 132° Reggimento carri a Cordenons, in provincia di Pordenone. Dal portale dei donatori di Udine invece apprendiamo che la situazione non è straordinaria neanche lassù a nord-est: carenze gravi per i gruppi A+, B+ e B-, ma scorte in calo anche per entrambi i poli del gruppo 0.

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine

Fig.2

In Valle d’Aosta, a partire da sabato fino al 6 ottobre, inizia DonoDay 2018, una splendida iniziativa itinerante con feste, eventi speciali e tanta partecipazione; davvero un buon modo di comunicare l’importanza di donare sangue a gene di tutte le età. Dopo il successo dello scorso anno, si va dunque avanti. Su bobine.tv tutte le informazioni necessarie.

In Lombardia, invece, imperversa la minaccia West Nile Virus. Tra i cittadini e i donatori serpeggia un po’ di preoccupazione per l’eventualità di contrarre la malattia, ma da Avis Legnano arrivano le rassicurazioni. A Monza e in Brianza intanto, le sedi Avis locali cercano 2 volontari per il servizio civile nazionale. Su Monza Today tutte le informazioni in merito per gli interessati, su un tema di cui abbiamo parlato abbondantemente lo scorso 29 agosto:

Servizio civile in Avis: spazi per ben 408 volontari con riconoscimento di rimborso spese e crediti formativi universitari

Ma ciò che non bisogna assolutamente dimenticare è che questa è la settimana di Match It Now, ovvero la settimana nazionale per la donazione del midollo osseo e cellule staminali emopoietiche. In tutta Italia, in 180 piazze da nord a sud, come ci spiega il Quotidiano Sanità, “volontari, medici e personale sanitario saranno a disposizione dei cittadini per fornire tutte le informazioni e gli approfondimenti sulla donazione”. Una grande iniziativa sincronizzata che speriamo possa seminare, sedimentare e portare numerosi benefici.

In ultimo, anche per questa settimana, l’utilità social: come sempre, ricordiamo che per individuare tra le tantissime donazioni del week-end in tutta Italia quella più vicina a noi, Facebook è lo strumento migliore. Grazie alla sua grande capacità informativa su larga scala, è infatti possibile consultare il social network per eccellenza non solo per polemizzare con le questioni in agenda setting, ma soprattutto per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il Paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 14 settembre, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come si può vedere in figura 3.

donazione sangue Ricerca di Facebook

Fig.3

Anche se ormai la maggior parte degli italiani ha già ripreso la normale routine del lavoro, c’è ancora qualche anticonformista che ama le partenze in ritardo, quelle che fanno risparmiare senza la folla dell’alta stagione. Per loro vige il solito comandamento: prima donare, poi partire, dopo aver consultato la mappa degli avvistamenti West Nile Virus. Ecco qui la più aggiornata, al 10 settembre.

Presentazione standard di PowerPoint

Fig.4

 

West Nile Virus: cresce il numero dei casi, ecco la situazione aggiornata

aedes-aegypti-1351001_960_720

Il monitoraggio è costante, perché in Europa e in particolare nel bacino del Mediterraneo crescono i casi di West Nile Virus accertati.

Su Buonsangue seguiamo l’evolversi delle vicende legate al West Nile da diversi mesi, e da inizio luglio sono state più di trenta le circolari del Centro nazionale sangue necessarie ad aggiornare la mappa dei luoghi colpiti dal virus, ormai ben 255 a partire da giugno.

Sul sito del Quotidiano sanità è possibile scaricare il bollettino completo sulla “Sorveglianza integrata del West Nile e Usutu virus”, uno studio aggiornato al 22 agosto 2018 che riporta i dati finora ottenuti grazie al lavoro di ricerca sulla diffusione di queste malattie che si diffondono a causa delle zanzare.

Secondo il bollettino, dei 255 casi umani confermati di infezione da West Nile Virus (WNV), ben 103 si sono manifestati nella forma neuro-invasiva (34 in Veneto di cui uno segnalato dalla Regione Friuli Venezia Giulia che riguarda un residente ricoverato a Trieste ma che ha soggiornato in provincia di Venezia, 62 in Emilia Romagna, due in Lombardia, tre in Piemonte e due Sardegna). Tra questi, ben dieci sono i pazienti deceduti (tre in Veneto e sette in Emilia Romagna), mentre sono 112 i casi in cui il West Nile si è manifestato in forma lieve come febbre. Nel complesso, sono 40 i casi in cui gli individui colpiti sono anche donatori di sangue, ben 21 in Emilia-Romagna, nove in Veneto, cinque in Piemonte, tre in Lombardia e soltanto due in Friuli Venezia Giulia).

In figura 1 si può osservare la situazione attuale nel nostro paese. In rosso sono indicate le province in cui è stata dimostrata la circolazione del virus West Nile sia nell’uomo che nell’animale vettore, mentre in giallo chiaro sono segnalate le nove province (Biella, Brescia, Gorizia, Lodi, Pavia, Piacenza, Rimini, Sassari e Varese) in cui il West Nile circola solo nell’animale vettore.

Presentazione standard di PowerPoint

Fig. 1

Aggiornata al 24 agosto è invece la tabella sinottica pubblicata dal Centro nazionale sangue (Fig.2), che indica le zone in Italia e all’estero per le quali anche un breve soggiorno di una sola notte implica l’attivazione delle misura di sicurezza anti diffusione, ovvero lo screening preventivo per mezzo del test Nat (misura raccomandata dalle autorità sanitarie al fine di limitare il calo di donazioni estive), o la sospensione temporanea del dono del sangue per 28 giorni.

West Nile Virus 2018 Centro Nazionale Sangue

Fig. 2

Interessante notare l’accrescersi delle zone di diffusione con rilevamenti di casi accertati negli ultimi dieci giorni, cioè dopo ferragosto, con l’interessamento delle province di Bergamo, Asti, Varese e Genova in Italia, e di moltissimi territori all’estero, per lo più collocati nei Balcani: Romania, Ungheria, Croazia e Serbia, ma anche Grecia, Austria e Israele.

Chi deve ancora partire per raggiungere tali destinazioni farebbe bene a monitorare questa tabella e recarsi a donare in anticipo.

Per chi è tornato da poco invece, (e specie per quanto riguarda la Grecia sono moltissimi gli italiani transitati per Atene, Creta o la penisola calcidica), è bene non adagiarsi considerando il West Nile Virus come alibi: facendo il test Nat, lo ricordiamo, è infatti possibile scoprire se si può compiere il proprio dovere da cittadini donatori senza impedimenti, senza sottoporsi al fatidico stop di quasi un mese riservato soltanto a coloro che risulteranno positivi.

Agosto entra nel vivo: non solo caldo e calo endemico, crescono i casi di West Nile Virus. Tutte le news del week-end

L-allarme-di-Avis-c-e-carenza-di-sangue-5989682940ebe1

Non bastava il caldo in connubio con il calo endemico della raccolta sangue estiva: l’agosto 2018 sarà ricordato per la quantità dei casi West Nile Virus.

Lo scorso 30 luglio abbiamo dedicato un lungo approfondimento al gran numero di circolari del Cns contenenti le precauzioni da osservare nei territori colpiti, che, lo ricordiamo, appartengono soprattutto al nord Italia. Screening preventivo per mezzo del test Nat o sospensione temporanea del dono di 28 giorni per tutti coloro che hanno soggiornato anche per una sola notte nelle zone interessate, queste le indicazioni delle autorità, ma intanto le zanzare continuano a fungere da agenti di trasmissione.

Il Messaggero riporta la notizia della prima vittima dell’anno causata dal West Nile Virus, un anziano di 79 anni residente in provincia di Verona.

E se Giuseppe Ippolito Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, invita alla calma e a rifuggire le psicosi, perché solo nell’uno per cento dei casi il West Nile si manifesta in maniera grave e solamente nell’uno per mille sfocia in encefalite mortale, SkyTg24 parla di 19 nuovi casi rilevati in Veneto e di attenzione ai massimi livelli.

Il Centro nazionale sangue monitora costantemente la situazione, come possiamo vedere in figura 1, ma a tutti i viaggiatori pronti alle partenze imminenti consigliamo di consultare la sezione osservatorio del sito ufficiale, per essere sempre informati sui territori interessati.

Tabella sinottica WNV 27.07.2018

Fig.1

Intanto incombono le carenze. La situazione in Toscana la conosciamo bene per il nostro approfondimento del primo agosto, e da allora non si vedono miglioramenti significativi. In figura 2, possiamo osservare come vi sia estremo bisogno di scorte per tutti i gruppi tranne l’AB+, con particolari necessità concentrate sui gruppi B+ e 0-.

https web2 e toscana it crs meteo (2)

Fig.2

Il quadro generale è confermato anche dalle notizie che arrivano da giornali. Il Tirreno spiega che a Pontedera (Pisa) il sangue scarseggia nonostante le aperture speciale del centro trasfusionale, mentre un appello speciale arriva dall’Avis di Portoferraio all’Isola d’Elba: per ovviare, la stampa locale riporta gli orari di apertura del centro trasfusionale e richiama all’ordine la sensibilità dei cittadini.

Carenza sangue e appello al dono anche a Rovigo, dove a muoversi è l’Avis locale, mentre in Sardegna, ad Alghero, è prevista una raccolta sangue speciale il giorno sabato 4 agosto.

Stessa voglia di raccolta in Piemonte, nel canavese, con raccolte speciali organizzate per tutto il mese, attraverso un calendario di orari già pianificati riportati sulla stampa locale.

In Friuli Venezia Giulia, come possiamo notare sul portale donatori di Udine e in figura 3, i problemi sussistono per i gruppi B+ e B- con carenze piuttosto gravi, mentre va via via scemando la scorta di A-.

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine (1)

Fig.3

Al sud Italia, continua la grande mobilitazione in Puglia. A Bisceglie, in provincia di Bari, per festeggiare l’Avis locale, una delle più longeve in regione, ben 40 biglietti per i concerti estivi di Caparezza e Sfera Ebbasta saranno distribuiti tra i donatori di sangue.  Nell’estate salentina ricca di musica, spettacoli e divertimento, la campagna regionale Dona EMOzioni fa invece tappa a San Foca con una giornata intera di promozione della cultura del dono e spettacoli per grandi e piccini.

Dalla Sicilia, inoltre, buone notizie. L’Avis di Ragusa comunica gli ottimi risultati di luglio e si appresta ad affrontare la grande sfida di agosto. “Prima donare, poi partire” è la raccomandazione per tutti i cittadini, siciliani e non.

Infine, come sempre, ricordiamo che per individuare tra le tantissime donazioni del week-end in tutta Italia quella più vicina a noi, Facebook è lo strumento migliore. Grazie alla sua grande capacità informativa su larga scala, è infatti possibile consultare il social network per eccellenza non solo per polemizzare con le questioni in agenda setting, ma soprattutto per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il Paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 3 agosto, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come si può vedere in figura 4.

donazione sangue Ricerca di Facebook (1)Fig.4

 

 

 

 

Crescono i casi di West Nile Virus in Italia e nell’area mediterranea orientale, dal 18 luglio al 27 ben 8 nuove circolari. Per i viaggiatori, il solito imperativo “prima donare, poi partire”

mosquito-cartoon-vector-clipart

Lo scorso 18 luglio abbiamo analizzato su Buonsangue il tema dei virus tropicali che rischiano di arrivare in Italia attraverso i lunghi viaggi d’agosto, per poi diffondersi in modo più o meno invasivo a causa delle zanzare.

In quell’occasione abbiamo spiegato come la situazione debba essere monitorata di continuo, specie per quanto riguarda il West Nile Virus, malattia che fortunatamente si manifesta in modo asintomatico nell’ottanta per cento dei casi e che si chiama così perché è stata isolata per la prima volta nel 1937 nel distretto West Nile, in Uganda.

Dal 18 luglio a oggi lunedì 30, causa rilevazioni, a proposito del West Nile Virus sono arrivate numerosissime circolari dal Centro nazionale sangue, atte ad aggiornare le misure di prevenzione necessarie per contrastare la diffusione del virus, che, lo ricordiamo, consistono nello screening preventivo per mezzo del test Nat, o nella sospensione temporanea del dono di 28 giorni per tutti coloro che hanno soggiornato anche per una sola notte nelle zone interessate.

Nella tabella sinottica da noi ripresa dal CNS il 16 luglio, come possiamo vedere in figura 1, le province colpite in Italia erano soprattutto quelle del nord-est: Emilia Romagna intorno al fiume Po, Lombardia est, Veneto e Friuli Venezia Giulia; mentre all’estero i paesi già colpiti erano Grecia in alcune zone specifiche (Attica, Salonicco e Beozia), Serbia e Austria.

West-Nile-Virus-2018-Centro-Nazionale-Sangue

Fig.1

Oggi, solo dodici giorni dopo, sono arrivate ben otto nuove circolari. Il 18 luglio 2018 si è aggiunta alla lista dei luoghi sotto misure preventive la provincia di Vercelli, il 19 è toccato ai distretti di Braila e Olt in Romania e alla provincia di Parma , il 20 a nuove zone in Grecia (Atene), ai distretti di Srednje-Banatski e Sremski in Serbia e alla provincia di Fejer in Ungheria, oltre alle province di Pavia, Torino e Novara.

Il 23 luglio rilevamenti West Nile nella provincia di Veszprém (Ungheria), mentre il 25 sono arrivate le segnalazioni per distretti di Dolj e Iasi in Romania. Infine, il 27 luglio, nuovi rilevamenti nei distretti del Piero e delle isole di Eubea e di Emazia in Grecia, e in quello di Hajdù-Bihar in Ungheria.

In figura 2 ecco la tabella sinottica più aggiornata. Per chiunque debba raggiungere tutte le zone elencate per lavoro o per le vacanze estive, l’imperativo è il solito, prima donare poi partire. Nel periodo estivo, il più difficile per la raccolta sangue, anche il semplice stop di 28 giorni può rappresentare un danno grave per l’obiettivo dell’autosufficienza.

Tabella sinottica WNV 27.07.2018

Fig.2

 

Zanzare come agenti di diffusione dei virus e misure preventive: tutto quello che c’è da sapere prima di partire per le vacanze

holiday-1172357_960_720

A complicare il quadro della donazione estiva, oltre al mood vacanziero che induce ad allontanare da sé qualsiasi attività impegnativa, e oltre al caldo che demotiva gli spostamenti negli orari di sole alto, si aggiungono le insopportabili zanzare.

E non solo perché sono parassitarie e fastidiose nell’infliggere punture, arrossamenti e pruriti: come sa bene chi legge Buonsangue le zanzare sono infatti un grande e importante fattore di diffusione per debilitanti virus tropicali come Dengue, West Nile, Chikungunya e Zika, che possono arrivare in Italia attraverso il sangue di viaggiatori provenienti da aree endemiche e colpire proprio attraverso l’opera dei proverbiali e noiosissimi insetti della famiglia dei Culicidi in grado di prelevare dall’uomo il suo fluido vitale.

Aggiorniamo dunque la situazione medico sanitaria a seconda di ciascun virus, con le conseguenti precauzioni decise dall’Istituto superiore di sanità.

Iniziamo da West Nile: per quanto riguarda questo virus che a contatto con l’uomo infetta nell’ottanta per cento dei casi in modo asintomatico, la situazione è aggiornata al 16 luglio, come possiamo vedere sulla pagina a esso dedicata sul sito del Centro nazionale sangue. In figura 1, ecco le province italiane e i paesi esteri a rischio, ovvero la lista di luoghi nei quali anche la sosta di una sola notte comporta l’applicazione delle misure di prevenzione, che si tratti dello screening con il test Nat, o della sospensione temporanea del dono per 28 giorni. Come si può vedere, la zona interessata al West Nile nel nostro Paese è l’area del nord-est, a patire dall’Emilia Romagna con le province di Forlì-Cesena, fino alla Lombardia, il Veneto e il Friuli Venezia Giulia.

West Nile Virus 2018 Centro Nazionale Sangue

Fig.1

Per quanto riguarda il virus Zika, un virus molto rognoso anch’esso asintomatico nella maggior parte dei casi ma in grado di generare quando si manifesta febbricola, congiuntivite e artrite, la situazione non è cambiata rispetto al 2017 sul piano delle misure di prevenzione. Anche in questo caso, sospensione di 28 giorni al dono per chi abbia soggiornato in aree a rischio, ovvero quelle indicate in figura 2: buona parte del Sudamerica, Messico e Caraibi, fino a un numero rilevante di paesi del sud-est asiatico e di isole del Pacifico.

Sorveglianza Zika Virus Centro Nazionale Sangue

Fig,2

Alta sorveglianza anche per il virus Chikungunya, che lo scorso anno fu protagonista, a settembre, di un vero e proprio momento di celebrità mediatica, dovuto ai tantissimi casi che si registrarono in molte zone d’Italia e soprattutto in Lazio con forti conseguenze non tanto sul piano sanitario quanto sulla raccolta sangue (quarantene sulle sacche raccolte e sospensione totale della raccolta ad Anzio) con ovvie criticità sul piano delle carenze poi ovviate grazie all’impegno delle altre regioni e all’efficienza del meccanismo di compensazione. Grande attenzione allora, e noi consigliamo di leggere le ottime indicazioni per viaggiatori contenute nella circolare del 15 maggio 2018 che contiene il Piano nazionale di sorveglianza e risposta alle arbovirosi trasmesse da zanzare con particolare riferimento a virus Chikungunya, Dengue e Zika.

Per quanto riguarda le destinazioni interessate alla diffusione di questo virus in grado di infliggere sintomi simili a quelli dell’influenza, come febbre alta, brividi, nausea, vomito, cefalea e rilevanti dolori articolari, eccole mostrati in figura 3 sottolineati dal verde scuro, ed elencati in dettaglio al seguente link: https://www.cdc.gov/chikungunya/pdfs/Chik_World_Map_05-29-18-P.pdf.

Geographic Distribution Chikungunya virus CDC

Fig.3

Infine il Dengue, virus al centro di un caso accertato a Firenze lo scorso 3 luglio in grado di generare febbre, cefalea, dolore muscolare e articolare, insieme a un esantema simile a quello del morbillo.

Le ultime indicazioni risalgono allo scorso 28 marzo, con una circolare riferita alle misure da adottare in seguito all’aumento dei casi registrati nell’Île de la Réunion (dipartimento d’oltremare della Francia): aumento della sorveglianza, sospensione al dono per chi ha pernottato nell’area interessata e sensibilizzazione dei donatori sui sintomi del virus, sono le misure preventive contente nella circolare succitata, disponibile a questo link: http://www.centronazionalesangue.it/sites/default/files/Circolare%20Dengue%2028.03.2018.pdf.

La regola che non ci stanchiamo mai di ripetere, “prima donare poi partire”, assume allora un significato sempre più prezioso e razionale. Meglio donare prima di raggiungere le agognate destinazioni lontane, piuttosto che dover fare la classica sosta ai box di 28 giorni al nostro rientro, mettendo a rischio la raccolta sangue in un momento delicato.

 

Arriva zanzamapp, l’applicazione che mappa le zanzare sviluppata dai giovani della Sapienza. L’abbiamo provata per voi

zanzamapp_orizz

È nuova, anzi nuovissima, la notizia della sua nascita arriva nelle ultime ore dal sito di Avis Nazionale, e noi di Buonsangue non abbiamo perso tempo per provarla: parliamo dell’applicazione per smartphone (sia Ios che Android) Zanzamapp, scaricabile normalmente su Playstore o al sito www.zanzamapp.it.

A cosa serve zanzamapp?

Serve a tracciare, rilevare e individuare, nel modo più capillare possibile, e con la collaborazione di ciascun utente, l’incidenza delle zanzare nel nostro Paese, da nord a sud, in modo di poter osteggiare e prevenire, attraverso l’informazione preventiva, la diffusione di alcune malattie trasmissibili attraverso questi fastidiosissimi insetti untori. L’idea è venuta al Laboratorio Social Dynamics del Dipartimento di Fisica dell’Università La Sapienza di Roma, che ha realizzato Zanzamapp grazie al supporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente e di Avis Nazionale.

Come si usa Zanzamapp? È semplicissimo. Dopo aver scaricato l’applicazione sul proprio smartphone si accede subito a un menù piuttosto ampio (Fig.1), che consente di accedere alla funzione principale, ovvero compiere la propria segnalazione sull’Incidenza della zanzare inviando una foto in tempo reale per consentire il riconoscimento della specie.

Screenshot_20180626-170937

Fig.1

Attivando la funzione mappa situazione, è invece possibile informarsi sulle segnalazioni degli altri utenti in tutto il Paese (Fig.2).

Screenshot_20180626-170848

Fig.2

Poi il momento più atteso: quello della nostra segnalazione. Dopo l’avvistamento, una griglia di colori consente di quantificare il numero di esemplari che ci circondano minacciosamente: verde se non ce n’è nessuna (è possibile segnalare anche le poche zone franche), giallo se ne vediamo da 1 a 3, arancione se la nube ronzante è formata da un numero variabile che va da 3 a 30 insetti, e rosso, infine, se siamo letteralmente assediati da 50 o più esemplari (Fig.3)

Screenshot_20180626-170924

Fig.3

Dopo aver indicato l’aspetto numerico, si prosegue con la seconda pagina (Fig.4): scattando una foto, come abbiamo fatto noi (Fig.5), è possibile inviarla in tempo reale per migliorare i dettagli della mappatura e favorire il riconoscimento della specie, aggiungendo altre informazioni di contorno.

Screenshot_20180626-170836

Fig.4

dav

Fig.5

Comunicheremo se l’avvistamento è avvenuto all’interno o al chiuso e se gli insetti succhia sangue ci hanno punto oppure no, rivelandosi poco o tanto voraci.

Naturalmente è possibile condividere la propria segnalazione sui social, anche se non sappiamo quanto sia decisivo. Più interessante, invece, ritornare al menu principale (Fig.1), e dedicarsi alla sezione approfondimenti (Fig.6), nella quale vi è risposta a tutte le domande più interessanti. Si va dalle tecniche di protezione alla tipologia delle zanzare e delle malattie in gioco, virus tropicali come Dengue, West Nile, Chikungunya e Zika, che possono arrivare in Italia attraverso il sangue di viaggiatori provenienti da aree endemiche e che poi, attraverso l’azione delle zanzare presenti sul nostro territorio (come la zanzara tigre), contribuiscono alla diffusione dei virus (fig.6)

Screenshot_20180626-202312

Fig.6

Scarichiamo Zanzamapp dunque (si possono anche segnalare le disinfestazioni in programma nella propria zona) e aiutiamo la mappatura degli agglomerati e la diffusione delle informazioni sui virus. Perché come dicono quelli di Avis, è meglio donare a chi ne ha bisogno che alle zanzare.