La “Mappa del donatore che viaggia”, un vademecum per qualsiasi cittadino in procinto di andare in vacanza

1

L’inizio della stagione dei viaggi ormai è alle porte, ed è bene, come ogni anno, chiarire bene quali vincoli ci sono tra le ormai infinite destinazioni che è possibile visitare grazie all’immenso business che è diventato il turismo di massa (tema sul quale segnaliamo un bel saggio di Marco D’Eramo dal titolo “Il selfie del mondo”), e gli stop temporanei al dono causa rischio contrazione di virus, ovvero uno dei molti problemi che generano il calo intrinseco di donatori che il sistema trasfusionale deve fronteggiare a ogni estate.

Il Centro nazionale sangue è già molto attivo, e già più di tre settimane fa, il 31 maggio, ha divulgato il piano completo di prevenzione stabilito dal Ministero della Salute per il 2019 con una circolare da titolo “Indicazioni per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione del West Nile Virus e Usutu mediante la trasfusione di emocomponenti labili nella stagione estivo-autunnale 2019″, documento all’interno del quale sono elencate tutte le regole da seguire affinché l’eventuale diffusione dei virus trasmessi attraverso le punture di zanzare sia adeguatamente segnalata e contrastata.

Il monitoraggio degli istituti preposti sarà costante, e noi su Buonsangue ne daremo traccia di frequente con notizie, bilanci e dati numerici: ma intanto, è bene sapere che la regola da seguire per tutti i donatori periodici cosi come per quelli occasionali che hanno già programmato le vacanze, è sempre la stessa: prima donare, poi partire.

Solo così, infatti, è possibile fare il proprio dovere di donatore in tutta sicurezza e con la certezza di non incorrere negli stop preventivi predisposti a monte, chiariti sul sito del SIMTI (Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia) nell’apposita sezione dettagliata: per ogni nazione del mondo, è infatti possibile conoscere il periodo di sospensione da dono (zero, uno, tre o sei mesi), il rischio di leishmaniosi viscerale o cutanea, di malattia del sonno, febbre gialla, lebbra o malattia di Chagas, e infine il rischio malarico e di altre malattie endemiche.

Un quadro perfettamente sintetizzato dalla preziosissima “ Mappa del donatore che viaggia ” pubblicata dal sito di Avis Regionale Veneto, che riproduciamo in figura 1.

Mappa-definitiva-bassa-risoluzione-page-001

Fig. 1

Quattro i colori impiegati nella mappa per le segnalazioni, facilissime da memorizzare e interpretare.

I territori in verde, tutti i paesi europei, la Russia asiatica e la Groenlandia, non comportano alcuna sospensione automatica dal dono. I paesi in giallo, ovvero l’America del Nord, il Canada, alcuni paesi del Maghreb come Marocco e Libia e alcuni asiatici come la Mongolia e qualche stato dell’ex Unione Sovietica, comportano invece 1 mese di sospensione. Chi visita Algeria, Egitto e il Medio Oriente incorrerà in uno stop di 3 mesi, mentre, purtroppo, sono davvero moltissimi i paesi in mappa che, se visitati, implicano uno stop di 6 mesi: il Messico, l’America Latina, quasi tutto il continente africano, la maggior parte del continente asiatico e l’Oceania.

Quando il caldo (e il calo) si fa duro, i donatori iniziano a donare. Dall’Avis provinciale Venezia un allarme per il futuro e come informarsi su dono e vacanze estive. Con una regola: prima donare poi partire

holiday-1172357_960_720

Quando il caldo (e il calo) si fa duro, i donatori iniziano a donare. Lo avevamo anticipato già lo scorso week-end raccontando tutte le iniziative speciali della prima settimana di giugno, ma come accade ogni anno l’arrivo della bella stagione coincide con preoccupazioni crescenti che arrivano dall’ambiente delle associazioni di donatori di sangue.

Un allarme dal peso specifico non indifferente è arrivato nelle ultime ore dal Veneto, e in particolare dalla sezione provinciale Avis di Venezia, che dopo un mese di aprile rassicurante ha registrato un forte calo di donazioni per tutto il periodo di maggio.

Se si estende l’analisi ai primi cinque mesi del 2018, il bilancio è di ben 85 donazioni in meno rispetto alla scorsa stagione, dopo un 2017 tutto sommato positivo con 2519 donatori complessivi e ben 4769 sacche di sangue raccolte, di cui 3281 di sangue intero, 926 emoderivati in plasmaferesi e 22 piastrine.

Dal presidente provinciale Cicogna, che si è espresso sulle colonne de La Nuova Venezia, una precisa valutazione delle tante concause che contribuiscono al calo generalizzato delle donazioni: si va dallo stile di vita frenetico con orari e impegni lavorativi sempre più totalizzanti, alla crescente difficoltà di reclutare i donatori giovani (da qui la recente campagna di video Avis di cui abbiamo parlato sul blog), dall’eccessiva burocrazia (da ottobre i donatori dovranno presentarsi al dono con documento d’identità e tessera sanitaria e non più con il semplice tesserino Avis), fino all’incidenza sul calendario.

E l’arrivo dell’estate non incide negativamente solo a causa del caldo e della voglia di mare, di vacanze e per il desiderio comune di mettere da parte per qualche settimana ogni attività mentalmente impegnativa e ogni responsabilità; anche il semplice atto del partire in vacanza, magari per mete esotiche, mette in discussione la possibilità stessa di donare per motivi di sicurezza, imponendo stop al dono che vanno da uno a sei mesi.

A tale scopo Avis, in collaborazione col SIMTI che gestisce la preziosissima pagina “il donatore che viaggia” con la lista di tutte le possibili malattie infettive a rischio diffusione paese per paese, ha creato un’infografica che indica perfettamente l’entità dello stop al dono a seconda del paese in cui si soggiornerà. Eccola in figura 1.

Mappa-definitiva-bassa-risoluzione-page-001-768x538

Fig.1

Per chi sceglie destinazioni contraddistinte dal colore verde, nessun problema. Stop di un mese per le zone del mondo in giallo come Usa, Canada e alcuni paesi asiatici, arancione con stop di 3 mesi per zone vicine ma non raccomandabili per la situazione politica come Egitto e Algeria. Infine, rosso per Sudamerica, Africa, Oceania e Asia del sud, viaggi al caldo che comportano un stop al dono per almeno 6 mesi.

In questi casi, donare prima di partire è ancora più importante.