Il sangue del cordone ombelicale non va buttato, ma donato. Il 15 novembre a Roma un convegno sul tema

ADISCO-LOGO

Ci sono donazioni, come accade per quella del midollo osseo, più difficili da far conoscere al grande pubblico, ma non per questo meno importanti o decisive per la salute e incerti casi per la vita dei pazienti: è il caso, per esempio, della donazione del sangue da cordone ombelicale, una pratica molto preziosa, per diverse ragioni cliniche.

Si tratta del sangue che resta nella placenta e nel cordone ombelicale dopo la nascita, ed è fattore di raccolta delle importantissime cellule staminali emopoietiche, ovvero cellule in grado di evolversi e riconvertirsi in ognuno dei diversi elementi che compongono il sangue, globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.

Ciò significa che il sangue da cordone ombelicale può essere utilizzato per la cura di molte tipologie di pazienti affetti da malattie del sangue di origine tumorale, come leucemie e linfomi, oppure da talassemie e aplasie midollari. Il cordone ombelicale, che è il mezzo attraverso cui ogni mamma nutre il proprio bambino nel suo grembo, dopo il parto viene usualmente gettato, ma questa è un’abitudine che può e deve essere culturalmente modificata.

Per le donne, il trapianto di cellule del sangue del cordone ombelicale è un’alternativa concreta al trapianto di cellule del midollo osseo, e anzi sceglierlo consente addirittura di ottenere dei vantaggi sia per il soggetto ricevente – per il quale subentrano minori rischi di rigetto, oltre a una più semplice e immediata disponibilità delle cellule ­– sia per la donatrice, per la quale la donazione avviene in automatico al momento del parto e quindi risulta indolore e senza rischi.

Il prossimo 15 novembre sarà una data significativa per questo tipo di donazione: una data celebrata dall’ADISCO (Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale) in collaborazione con il Centro nazionale sangue, il Centro nazionale trapianti e l’AIL, l’Associazione italiana contro le leucemie, con un importante convegno patrocinato dal Ministero della Salute dal titolo “1988 -2018: 30 anni dal primo trapianto di CSE da SCO – Attualità e Prospettive”, evento che si svolgerà a Roma, alla Sala Cardinal Knox della Domus Australia in Via Cernaia 14/b, con la presenza di medici e specialisti)

Brochure Convegno Adisco Nazionale 15 11 18 pdf

Fig.1

Proprio il 15 novembre di 30 anni fa, infatti, nel 1988, è stato effettuato il primo trapianto con le cellule staminali cordonali, una storia che, come leggiamo sulla brochure ufficiale, è a lieto fine: “Si tratta del caso del paziente Matthew Farrow affetto da Anemia di Fanconi. All’età di 5 anni è stato curato grazie al sangue cordonale prelevato dalla sorella che dalla diagnosi prenatale è risultata non affetta dalla malattia. Il paziente è completamente guarito e gode tuttora di ottima salute”.

Oggi molta strada è ancora da fare sul percorso della sensibilizzazione, ma eventi come questo in grado di riunire professionisti, istituzioni e rappresentanti del mondo del volontariato, non possono che fare bene, in direzione di una più efficace divulgazione del concetto di dono (in modo che riesca a diventare un valore onnicomprensivo per le abitudini della vita sociale) e in chiave di rendere di volta in volta il mondo dei donatori più consapevole, in grado di adattarsi alle necessità del sistema e alle possibilità e alle propensioni dei cittadini.

Per partecipare al convegno è necessario registrarsi entro e non oltre l’8 novembre scaricando il modulo di partecipazione, compilandolo e inviandolo all’indirizzo segreteria-nazionale@adisco.it

 

Il West Nile Virus crea ancora timori, soprattutto a nord-est: il bilancio complessivo a ottobre

bug-160025_960_720

Nonostante l’autunno sia ormai entrato nel vivo, l’allarme generalizzato per la diffusione del West Nile Virus è ancora molto alto, anche perché il freddo sterminatore delle zanzare tarda ad arrivare.

Così, in questo inizio di ottobre non sono pochi i casi che si registrano in tutto il nord Italia, talvolta presentati anche con un eccesso di allarmismo. Basta cercare infatti sulle testate di stampa locale per accedere a una rassegna stampa che tende a presentare un quadro grave e particolarmente allarmante. Ecco alcuni esempi:

https://www.ilrestodelcarlino.it/ferrara/cronaca/morti-west-nile-1.4221771

https://www.modenatoday.it/cronaca/quarto-decesso-west-nile-modena-4-ottobre-2018.html

http://www.padovaoggi.it/politica/west-nile-virus-commissione-regionale-permanente-veneto-padova-03-ottobre-2018.html

http://lanuovaferrara.gelocal.it/ferrara/cronaca/2018/10/03/news/west-nile-nona-vittima-a-ferrara-febbre-alta-poi-la-micidiale-encefalite-1.17315816

Sacche di sangue infetto nel novarese: è il West Nile

Certo, la questione West Nile Virus non deve essere sottovalutata, e anzi è un bene che vi sia un alto livello di controllo e di “engagement” da parte delle istituzioni con la creazione di commissioni permanenti, ma non è assolutamente corretto far passare un messaggio catastrofista secondo cui dalla puntura delle zanzare alla malattia fulminante la strada vi è un percorso breve e senza ostacoli.

Qual è la realtà? Eccola nei numeri.
Se leggiamo il bilancio complessivo del 2018 aggiornato al 4 ottobre (in figura 1 i dati espressi in infografica per provincia), scopriamo che da giugno sono stati segnalati 514 casi confermati di infezione da West Nile Virus (WNV) che hanno colpito l’uomo, di cui 211 si sono manifestati nella forma grave ovvero quello neuro-invasiva. Sul piano regionale 59 casi sono arrivati in Veneto, 97 in Emilia-Romagna, 16 in Lombardia, 30 in Piemonte, 3 in Sardegna, 5 in Friuli Venezia Giulia e 1 solo caso segnalato dal Molise che arriva dalla Grecia. 35, non pochi, sono invece i casi di decesso, così divisi per regione: 1 in Lombardia, 11 in Veneto, 19 in Emilia-Romagna, 2 in Piemonte, 2 in Friuli Venezia Giulia).
Sono 241 i casi di WNV manifestatosi come febbre, 66 in Emilia-Romagna, ben 157 in Veneto, 7 in Lombardia, 4 in Piemonte, 7 in Friuli Venezia Giulia).
Infine, si contano 62 casi di WNV identificati in donatore di sangue, ben 30 in Emilia-Romagna, 13 in Veneto, 7 in Piemonte, 9 in Lombardia, 2 in Friuli Venezia Giulia e 1 solo in Sardegna.

Presentazione standard di PowerPoint (2)

Fig.1

In figura 2, si può invece constatare come su 210 casi (non è contemplato il caso molisano che arriva dalla Grecia), ben 114 casi, ovvero più del 50%, colpiscano persone con più di 75 anni di età, fascia in cui naturalmente sono concentrati anche quasi tutti i casi di mortalità.

Presentazione standard di PowerPoint (3)

Fig.2.

Infine, in figura 3, ecco l’ultima tabella sinottica con le rilevazioni territoriali del Centro nazionale sangue aggiornate all’8 ottobre 2018. In infografica, sono elencate le zone in Italia e all’estero per le quali anche un breve soggiorno di una sola notte implica l’attivazione delle misura di sicurezza anti diffusione, ovvero lo screening preventivo per mezzo del test Nat (misura raccomandata dalle autorità sanitarie al fine di limitare l’incidenza del virus sulla raccolta sangue), o la sospensione temporanea del dono del sangue per 28 giorni.
Alle zone del nord Italia di solito più colpite si aggiungono la Sardegna intera, le terre del basso Lazio e la provincia di Matera. All’estero invece, le nuove rilevazioni più recenti arrivano dal Principato di Monaco (8 ottobre) e dallo Stato federato del Burgenland in Austria (1 ottobre).

Presentazione standard di PowerPoint

Fig.3

Grande attenzione dunque per tutti coloro i quali negli ultimi 28 giorni hanno soggiornato in queste zone, mentre chi ha in programma viaggi o spostamenti verso le destinazioni a rischio è molto meglio programmare una donazione di sangue prima di partire.

A Piacenza andrà in scena Plasm-On, con i giovani Avis impegnati a promuovere la donazione di plasma

INSTAGRAM-2

Il plasma e la sua raccolta, che deve crescere in tutta Italia. Chi legge Buonsangue sa bene quanto il tema del plasma sia prioritario nel sistema sangue, sia per il presente, pensando al plasma come a una risorsa importante per un paese al pari di acqua, cibo o combustibile, sia nell’ottica degli scenari futuri dei prossimi anni, nei quali questa materia biologica così preziosa – dalla quale si producono farmaci salvavita che oggi in parte si reperiscono sul mercato internazionale – sarà fortemente richiesta da paesi in via di sviluppo altamente popolati.

Quanto il plasma sia importante le associazioni di donatori italiane lo sanno benissimo, così come le istituzioni sanitarie nazionali e regionali, per le quali il plasma è sempre un punto centrale dei piani di sviluppo pluriennali. Ed è per questo che stanno nascendo diverse campagne di comunicazione aventi come obiettivo primario quello di aumentare il numero dei donatori di plasma attraverso la plasmaferesi.

Nei prossimi mesi cresceranno pubblicità e informazione sui social network dunque, ma saranno intense anche le attività sul campo e i forum: e infatti, proprio nell’ottica di potenziare la sensibilizzazione sull’universo del plasma, Avis Emilia Romagna ha messo in agenda, nei prossimi 20 e 21 ottobre, il convegno Plasm-On: conoscere e comunicare la donazione di plasma, evento che si terrà a Piacenza, all’Hotel Best Western del capoluogo di provincia, e sarà dedicato soprattutto ai giovani.

Il forum nasce da esigenze constate sul campo: dalle testimonianze dei giovani avisini emerge infatti che la donazione di plasma sia spesso considerata un ripiego, e che in alcuni casi spaventi ancora per la sua durata e per i suoi effetti, giacché la quantità di materia biologica donata in plasmaferesi è maggiore rispetto alla donazione di sangue intero (600/700 ml contro 450ml). Ergo, il bisogno di chiarimenti e risposte.

Il programma di Plasm-On è già definito e si può consultare a questo link:

Plasm-On: conoscere e comunicare la donazione di plasma

Spiccano, tra le varie attività, gli interventi di Francesco Da Prato dell’azienda italiana Kedrion, che spiegherà la filiera che consente di trasformare il plasma in farmaco, e di Davide Carini, medico responsabile della raccolta di Avis Piacenza, che racconterà quali sono le applicazioni terapeutiche del plasma.

Naturalmente spazio anche alle attività sperimentali, con workshop su come creare una comunicazione pubblica efficace sul tema plasma. Le idee partorite dai giovani partecipanti saranno poi commentate e valutate nella mattinata di domenica 21 ottobre, grazie alla collaborazione di Maurizio Matrone, scrittore e storyteller.

L’evento Plasma-On è aperto a tutti i giovani avisini da tutta Italia, ma è necessario registrarsi entro il 5 ottobre 2018. Non resta che augurarsi che la partecipazione sia copiosa, energica e ad amplissimo raggio.

Il settembre delicato è ancora nel vivo: tra carenze e risposte dei donatori, andare a donare è il gesto più importante

Paper cut of cardiogram of heart rhythm for Valentines Day .

Il sangue di San Gennaro si è liquefatto ancora, come da tradizione, e tra superstizione, fede e folklore non possiamo che augurarci che, oltre ai 5 milioni di euro distribuiti dal lotto in Campania con l’uscita del numero 18 (che nella smorfia napoletana corrisponde per l’appunto al sangue), l’occorrenza e i riferimenti al sangue sui media spingano anche molte più persone alla donazione.

Battute a parte, però, il settembre delicato per le carenze generalizzate in diverse regioni non è ancora alle spalle, e donare senza indugio è il gesto più importante che si può compiere. I promemoria non mancano. Oltre al miracolo di San Gennaro infatti, questa è anche la settimana di Match It Now, la settimana nazionale per la donazione del midollo osseo e cellule staminali emopoietiche, evento nazionale promosso dal Centro Nazionale Trapianti, Centro Nazionale Sangue, Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR), dalla Federazione ADMO e dalla Federazione ADOCES che si svolge in 180 piazze italiane dal 15 al 22 settembre. Una vera e propria iniezione di energia alla cultura del dono che già ha creato momenti esaltanti nei centri principali da nord a sud Italia, come per esempio a Bari, dove la Torre della palazzo della Città Metropolitana è stata illuminata di rosso per due giorni creando attenzione, meraviglia e curiosità.

La Puglia dunque: come spesso è accaduto nelle ultime settimane si registra una carenza sangue all’ospedale Perrino di Brindisi, problema al quale si spera che i donatori possano dare una pronta risposta. Intanto però le associazioni rispondono con le donazioni speciali del fine settimana: a Corato, per esempio, in provincia di Bari, giornata della prevenzione organizzata da Fratres con possibilità di donare a mattina e pomeriggio sia sabato 22 che domenica 23 settembre. A Ostuni invece, hanno contribuito già ieri, il 20 settembre, con una donazione speciale organizzata da Avis.

Tra le regioni più colpite dalle carenze settembrine c’è poi la Toscana: come segnala MeteoWeb il calo di donazioni in regione per il 2018 è circa del 3%, una tendenza che va necessariamente invertita. Anche perché, secondo il meteo del sangue, la situazione è già in miglioramento anche se sono molti i gruppi che hanno bisogno di essere raccolti (Fig.1). Se la situazione del B+ e dell’A+ è difatti migliorata e risolta, restano urgenze B-, fragilità per A- e AB-, ed emergenze per entrambi i poli del gruppo 0.

https web2 e toscana it crs meteo (2)

Fig.1

Cosa fare? In provincia di Massa Carrara, via alle giornate della donazione, con gli appelli di Anna Baldi, direttore del servizio trasfusionale dell’ASL per l’ambito di Massa e Carrara, che ringrazia inoltre Avis e Fratres per aver organizzato, ieri 20 settembre il prossimo 26, il plasmaday, ovvero una giornata intera dedicata alla raccolta e alla sensibilizzazione sulle ragioni del dono.

In Emilia Romagna, a Pontenure in provincia di Piacenza, festa avisina per ringraziare i donatori visto il contributo costante e immediato,  mentre a Ferrara, in una delle zone maggiormente colpite dal West Nile Virus, gli infettivologi spiegano come si può e ci si deve comportare per limitare i contagi.

In Piemonte, a Cuneo, il connubio dono e sport non smette mai di fare proseliti e di creare aggregazione: legame forte, dunque, tra Avis e i campionati mondiali di pallavolo in scena proprio in questi giorni.

In Veneto, a Gaiarine in provincia di Treviso, la festa per il 55esimo compleanno della sezione Avis è una buona occasione per richiamare all’opera i giovani donatori, di cui c’è un bisogno assoluto in tutto il paese, mentre in Liguria Genova Post segnala che con il drammatico crollo del ponte Morandi i problemi sono arrivati anche sottoforma di disagi vari per i donatori. Poiché c’è bisogno di sangue, è necessario allora lanciare il cuore oltre l’ostacolo, ricordando a tutti che chi dona poi riceverà direttamente a casa le proprie utilissime analisi del sangue.

In Friuli le informazioni le offre il portale dei donatori di Udine, che testimonia carenze gravi per i gruppi A+, B+ e B, mentre la situazione è delicata per entrambi i poli del gruppo 0.

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine (1)

Fig.2

Tornando al centro – sud, infine, buona partecipazione a Roma per la giornata di donazione in Campidoglio, terzo appuntamento di un programma di un più ampio programma di sensibilizzazione, mentre una carenza delicata si registra in Campania, a Salerno, dove all’ospedale Ruggi il rischio è di dover rimandare qualche operazione chirurgica.

In ultima istanza il consueto sguardo sui social: come sempre, ricordiamo che per individuare tra le tantissime donazioni del week-end in tutta Italia quella più vicina a noi, Facebook è lo strumento migliore. Grazie alla sua grande capacità informativa su larga scala, è infatti possibile consultare il social network per eccellenza non solo per polemizzare con le questioni in agenda setting, ma soprattutto per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il Paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 21 settembre, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come si può vedere in figura 3.

donazione sangue Ricerca di Facebook (1)

Fig.3

Il drone che trasporta sangue, il futuro è un po’ più vicino

24068314_1988829168021190_178310206752836788_n

Già nel 2016 avevamo accennato all’ambizioso progetto di trasportare sangue ed emoderivati con i droni, almeno per brevi distanze (8-12 miglia): allora a impegnarsi era una start-up fortemente voluta dalla società americana Zipline che lavorava al progetto sotto i cieli della California, e che aveva già sperimentato il sistema di trasporto via drone in Ruanda, al fine di lenire le difficoltà ematiche delle donne post-parto sfruttando lo spazio aereo praticamente immacolato del paese africano.

Oggi lo stesso identico progetto è in mano a una start-up italiana chiamata ABZERO, una società di social innovation con sede a Pisa che mira a sviluppare invenzioni e innovazioni in grado di incidere su problemi di natura economico sociale che riguardano l’intera collettività.

Il drone salvavita (hashtag #undroneperlavita) che trasporta sangue è il cavallo di battaglia di ABZERO: il progetto punta infatti a costruire un drone in grado di offrire un servizio di trasporto immediato, in caso di emergenza, di sacche di sangue, emoderivati, medicinali di vario genere e attrezzature leggere tra strutture sanitarie, sette giorni alla settimana e per 24 ore ogni giorno.

Naturalmente il drone potrà agire su corto raggio per distanze fino a 40 chilometri, e sarà interamente automatico in tutte le fasi del trasporto, dal decollo all’atterraggio. L’intero processo si potrà gestire interamente attraverso un’applicazione su smartphone, e la società costruttrice stima una riduzione dei tempi di trasporto pari all’80% sulle brevi distanze (10/15 km) e di circa il 50% sulle distanze medie (30/40km).

La sicurezza? Garantita da un paracadute incorporato che si attiva in caso di avaria.

Il progetto è a buon punto. Il volo di presentazione del prototipo, documentato da un video su YouTube, è già avvenuto:

Di ABZERO ha parlato nei giorni scorsi anche il Corriere della Sera, sottolineando come il drone salvavita sia tra i progetti prescelti da Bioupper, un bando di concorso sponsorizzato dalla Fondazione Cariplo che finanzia progetti innovativi nei settori di scienza e salute.

Non resta dunque che aspettare ancora un po’, per capire se sarà realmente possibile risolvere e calibrare tutti gli aspetti tecnici e burocratici che consentirebbero al sistema ABZERO #undroneperlavita di entrare effettivamente in servizio, creando un ulteriore valore aggiunto per l’efficienza delle aziende sanitarie, e un beneficio per pazienti e comunità.

La situazione sangue nelle regioni italiane: qualche carenza e molte iniziative delle associazioni, per resistere al calo di donazioni estivo

images

Agosto volge lentamente al termine e finora non si sono registrate particolari situazioni di emergenza per ciò che riguarda le necessità di sangue. Certo, le carenze non sono mancate e non mancano, ma allo stesso tempo le associazioni di donatori hanno continuato, settimana dopo settimana, a offrire il loro supporto per contrastare l’endemico calo di donazioni estive.

Una carenza abbastanza grave si registra nelle ultime ore in Puglia, a Manduria, e riguarda l’intera provincia di Taranto. Per contenerla, sarà possibile donare per tutto il fine settimana al terzo piano dell’ospedale “Marianna Giannuzzi” di Manduria, dopo aver fatto una colazione che non comprenda, come da copione, latte e derivati.

In Toscana, dopo settimane convulse, la situazione non è esattamente in miglioramento: come si può vedere dall’ultima rilevazione proveniente dal sito del Meteo del Sangue, giovedì 23 agosto alle 13.53, (Fig.1), l’emergenza sangue persiste per il gruppo 0, sia positivo che negativo, mentre continuano le urgenze per i gruppi A- e B-, e le fragilità per i gruppi B- e AB-.

https web2 e toscana it crs meteo

Fig.1

L’emergenza tuttavia, a quanto pare non riguarda la provincia di Siena, come sottolinea il sito di Antenna Radio Esse, ma questo non significa che debba diminuire l’impegno per garantire le donazioni.

In Veneto, a Porto Tolle in provincia di Rovigo, fine agosto è il periodo prescelto per la classica Festa del donatore, evento che prevede una messa celebrativa e premiazioni per chi si è messo in luce nella stagione in corso. Una festa avisina ormai tradizionale che sarà occasione per cementare l’amalgama tra nuove e vecchie generazioni.

Proverbiale festa dei donatori anche per Fidas, con la 24Ore del donatore in scena, in questo 2018, alle Antiche Terme di Giunone di Caldiero (Verona). La 24Ore Fidas è un evento sportivo annuo giunto ormai alla undicesima edizione: questa volta, gli oltre 300 partecipanti/nuotatoti provenienti da tutta Italia si esibiranno in una piscina olimpionica e nuoteranno per 15 minuti ciascuno, dando vita a una staffetta lunga 24 ore finalizzata a promuovere e celebrare il fondamentale valore del dono.

E se il sito interamente dedicato alle esigenze dei donatori www.donatorih24.it mette in guardia, citando le parole del presidente Avis Gianpietro Briola, sulle fake news che ormai girano sul web anche sulla delicata questione delle richieste di sangue urgenti, sicuramente vere sono le notizie che riguardano i casi di West Nile, due in Lombardia con un anziano piuttosto grave e ben cinque in Piemonte, emersi grazie al test preventivo per donatori. Il Centro nazionale sangue monitora e offre tutte le informazioni del caso.

In Sardegna, fine agosto celebra il connubio tra sport e donazione di sangue, ed è addirittura la Dinamo Sassari Banco di Sardegna, compagine protagonista del campionato A1 di pallacanestro, a promuovere l’importanza del dono e il naturale connubio tra sport, dono e stili di vita sani e votati al benessere psicofisico.

In Friuli Venezia Giulia, il portale del dono di Udine tiene costantemente aggiornati i dati della raccolta sangue, e come possiamo vedere in figura 2 la situazione non è esattamente rosea: carenze gravi per i gruppi A+, B+ e B-, mentre è discreta la situazione del plasma e degli altri gruppi.

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine

Fig.2

Infine, come sempre, ricordiamo che per individuare tra le tantissime donazioni del week-end in tutta Italia quella più vicina a noi, Facebook è lo strumento migliore. Grazie alla sua grande capacità informativa su larga scala, è infatti possibile consultare il social network per eccellenza non solo per polemizzare con le questioni in agenda setting, ma soprattutto per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il Paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la situazione completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 24 agosto, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come si può vedere in figura 3. Anche se ormai la maggior parte degli italiani è nella fase di rientro dalle ferie, c’è ancora qualche ritardatario per cui vige il solito comandamento: prima donare, poi partire.

donazione sangue Ricerca di Facebook

Fig.3

 

 

 

 

 

 

 

Un test del sangue in grado di individuare i tumori: dagli USA una speranza che se rispettata dovrà diventare un incentivo al dono

polymer01

Un test del sangue in grado di individuare 10 differenti tumori. Verità concreta? O soprattutto ottimismo e speranza?

In campo medico, quando si parla di ricerca, cautela e ottimismo devono andare di pari passo, specie quando l’oggetto di studio è la lotta ai tumori.

Ma la notizia che è arrivata nelle ultime ore dagli Stati Uniti d’America, oltre a rappresentare un enorme passo avanti verso la lotta al grande killer dell’era moderna, potrebbe avere dei risvolti molto interessanti anche per il dono e la raccolta sangue.

Perché e come? Ricapitoliamo.

Nelle ultime ore molte testate nazionali come Il Corriere della Sera, Il Messaggero, Repubblica e persino Libero hanno riportato i risultati di una ricerca statunitense presentata nei giorni scorsi a Chicago durante la conferenza annuale dell’American Society of Clinical Oncologists. I risultati del test sono stati generalmente commentati con grande ottimismo, e presentati come una possibile svolta rivoluzionaria della storia della medicina. I ricercatori del Taussig Cancer Center della Stanford University in California, avrebbero infatti messo a punto un test del sangue, una semplice biopsia liquida, che rintracciando infinitesimali frammenti di Dna rilasciati nel sangue dalle cellule cancerose, dovrebbe poter essere in grado di poter individuare, e prevenire fino a 10 tipi di cancro ben prima che il tumore si manifesti e diventi letale.

La scoperta è stata già definita il Santo Graal della lotta contro il cancro, giacché vanta già ora un livello di attendibilità molto alto che si assesta ben al 90% dei casi analizzati. Inoltre, il campione numerico dello studio americano è stato piuttosto rilevante: ben 1.600 persone di cui 749 perfettamente sane e 878 da poco risultate positive alla diagnostica tumorale. Tante e varie le rilevazioni offerte dal test, in grado di riconoscere i carcinomi delle ovaie e del pancreas, del fegato, della cistifellea, del cancro intestinale e al polmone, del cancro a testa, collo, prostata, stomaco e utero, per finire con linfomi e mielomi.

Inutile dire che per avere risultati ancora più affidabili sarà necessario sperimentare ancora, anche se è stato reso noto che il National Health Service (Nhs), il servizio sanitario inglese, si è già predisposto per adottarlo e ottenere tutti i vantaggi del caso, sebbene non sia possibile, a oggi, ipotizzare quanto potrebbe costare fare il test se non a livello di stime (la forbice dei costi stimati per ogni singolo test dovrebbe aggirarsi tra i 500 e i 1000 euro).

E in Italia? Sebbene l’attenzione per la cura dei tumori (i cui casi diagnosticati ogni anno superano ormai i 350mila) sia sempre molto alta anche a livello mediatico come dimostra la recente partita del cuore giocata a Genoa con in palio proprio l’aiuto per la ricerca (eccezionale la risposta del pubblico), i margini per fare di più ci sono sempre.

E così ci sentiamo di dire che avere la possibilità, tra molti anni, di inserire un test di biopsia liquida che possa individuare la predisposizione ai tumori come benefit gratuito per tutti i donatori di sangue, sarebbe un incentivo di straordinario impatto.

Possibile? Non Possibile? Sostenibile?

Lo scopriremo più avanti nel futuro prossimo, ma ciò che è assolutamente innegabile è che se una scoperta di questo tipo dovesse rispettare le sue promesse potenziali, i suoi benefici dovrebbero riguardare l’intera comunità.

Donando il sangue ci si può innamorare. E soprattutto si risolvono le carenze, come quella attualmente in corso in Toscana

blood-donation-ftr

Donare, bisogna sempre donare. Donare fa anche innamorare. Non ci credete? Eppure tra le tantissime donazioni speciali e tra le numerose notizie a tema sangue interessanti di questa settimana, spicca proprio quella di un amore nato grazie al dono. Dove? È successo in Lombardia, a Sesto San Giovanni (Milano) tra due giovanissimi donatori, Milena Nardo e Giacomo Piermattei, rispettivamente 20 e 23 anni. Lamartesana.it ha raccontato per intero la loro storia, che è nata all’ospedale di San Giovanni mentre erano in fila per donare. E se il quotidiano on-line già paventa un lungo futuro insieme tra loro, ciò che appare meno privato e più interessante per il pubblico è sottolineare come la vita associativa, da donatori, possa essere appagante anche sul piano della costruzione dei rapporti umani. Non solo amore, ma anche amicizia, interlocutori e collaborazione.

Ovviamente, non tutto è rose e fiori. A Rieti, per esempio, una raccolta sangue programmata con donatori periodici avvisati su chiamata, non è poi stata effettuata per mancanza di personale. Ce lo dice Il Messaggero, e si tratta di uno di quei casi in cui il danno è doppio, perché oltre alla mancata raccolta, si creano situazioni di scoraggiamento tra i donatori che hanno risposto all’appello.

In Campania, a Napoli, si cerca invece di favorire la donazione di sangue facilitando la logistica dei donatori diretti all’ospedale Cardarelli: dal Mattino apprendiamo infatti che tutti i donatori di sangue potranno raggiungere la struttura ospedaliera in Taxi, con una corsa gratuita.

E le carenze della scorsa settimana in Toscana che evoluzione hanno avuto? Sul sito del Meteo del Sangue vediamo che la carenza purtroppo non si placa. Eccedenza solo per il gruppo AB+ (Fig.1), mentre crisi generalizzata per tutti gli altri gruppi sanguigni ed emergenza per lo 0- di cui c’è bisogno immediato. L’appello è dunque, per tutti i donatori Toscani, di sfruttare le molte raccolte speciali del week-end per riportare la situazione su livelli accettabili.

https web2 e toscana it crs meteo (1)

Fig.1

Decisamente migliore la situazione in Friuli, come si può vedere sul Portale Donatori, un servizio che dimostra come l’informatizzazione delle scorte sangue per cogliere sempre le necessità in tempo reale è un servizio di cui si dovrebbero dotare al più presto tutte le regioni. Intanto, in figura 2, vediamo come esistano due carenze gravi per i gruppi B- e AB-, mentre situazione sotto controllo per i restanti e per il plasma.

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine

Fig.2

A proposito di donazioni speciali, da segnalare in Liguria quella di domenica 15 aprile a Diano Marina in provincia di Imperia, segnalata su Imperia News e che coinvolge l’Avis locale depositaria di ottime aspettative di raccolta.

Più a est, donazione speciale per il giorno domenica 15 anche a Casale sul Sile, in Veneto provincia di Treviso, dove andrà in scena La giornata della donazione di sangue sempre organizzata da Avis, mentre scendendo fino a Sora, in provincia di Frosinone (Lazio) donazione speciale e importantissima all’Ospedale oncologico Sorano, a partire dalla mattinata di domenica, come testimonia Sora24.

La Fratres toscana organizza a Fucecchio (Firenze) La scampagnata del donatore, domenica 15 aprile 2018 dalle ore 15.00 presso il “Casotto del Sordo” Massarella, mentre in Lombardia, a Peschiera Borromeo, è la Fidas a essere protagonista con una raccolta speciale che dura ben tre giorni.

DaZvC-rV4AEqnX7

Sport, giovani e Associazioni insieme invece a Cernusco sul Naviglio, dove l’attivissima sezione Avis locale organizza una manifestazione sportiva dedicata a un rappresentante associativo storico avisino dal grande curriculum nazionale scomparso un anno fa, Pietro Varasi. A lui è dedicato il primo torneo di Hockey Promo per ragazzi di otto, dieci e dodici anni.

DakdgMFWsAAVrBm

Come di consueto infine, ricordiamo che sono tantissime le donazioni del week-end in tutta Italia grazie alle associazioni Avis, Fratres, Fidas e Croce Rossa, e per scoprire dove sono quelle più vicine affidarsi a Facebook per reperire tutte le informazioni disponibili sulle donazioni, è un’idea più che fruttifera.

Il social network per eccellenza, al di là delle funzioni d’intrattenimento, è sempre troppo poco usato e dunque sottovalutato per la sua capacità informativa, che dovrebbe essere invece il suo valore principale.

È infatti possibile consultarlo per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 13 aprile, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come in figura 3.

donazione sangue Ricerca di Facebook

Fig.3

Attesa in Italia un’ondata di freddo, ma il cuore caldo dei donatori è pronto a sfidare le basse temperature

Incentivizing-blood-donation

Le previsioni del tempo per il fine settimana parlano chiaro, o forse sarebbe meglio dire che parlano grigio: maltempo previsto in molte zone d’Italia e neve anche a basse quote dall’Emilia Romagna alla Sicilia, a causa di una perentoria, persino arrogante, perturbazione che arriva dalla Siberia.

Ma il meteo che a noi interessa ancora di più è quello del sangue: in Toscana, il meteo del sangue più efficiente che c’è (e che speriamo sempre possa essere replicato in tutte le regioni) offre per i prossimi giorni stime confortanti: solo il gruppo 0 – mostra qualche fragilità, mentre addirittura eccedenze per B + e B – e AB +

https web2 e toscana it crs meteo

Per il meteo del sangue dei donatori di Udine, le esigenze maggiori riguardano invece il gruppo B – e AB –, mentre piuttosto confortante è la situazione degli altri gruppi e anche del plasma.

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine

Nonostante la situazione buona del meteo, l’Avis di Massa Carrara, sprona i propri associati e la comunità tutta ad andare a donare senza sosta, come leggiamo su Il Tirreno, assieme a tutte le informazioni necessarie sui bisogni annui della zona e sui luoghi dove è possibile donare sangue e plasma.

In Abruzzo, siamo lieti di citare il caso dell’Avis di Collecorvino in provincia di Pescara, sezione che dal 2016 è cresciuta del 2% in fatto di soci, e ben del 12% in fatto di donazioni annue, non poco per una sezione molto piccola.

A Gela, in Sicilia, provincia di Caltanissetta a favorire la donazione di sangue ci pensa il consiglio comunale, come si può leggere sul network locale accentonews.it.

In Emilia Romagna, a Parma, da dove solo pochi mesi fa abbiamo raccontato un convegno importante sulle emergenze, e dove è stato da poco varato un piano sangue per il triennio 2017-2019 tarato sulla parola chiave “appropriatezza”, la politica locale approva i principi generali del programma, come racconta Parmadaily.it. 

In Lombardia, a Legnano, arriva si sviluppa il tema del Patient Blood Management, che come i lettori di Buonsangue sanno molto bene, è l’insieme di pratiche che consentono di fare un uso corretto e razionale della risorsa sangue.

In Umbria, la SIR Volley, squadra di pallavolo amatissima dai tifosi locali, partecipa alla cultura del dono, come scopriamo da un tweet sul profilo ufficiale della società:

Molte, poi, le donazioni speciali in giro per la penisola: a Imperia, in Liguria, Avis fissa sabato 24 febbraio la giornata della donazione del sangue, e tanti altri appuntamenti si registrano a Santa Maria Capua Vetere (Caserta), in tutta la provincia di Foggia con un bel programma di orari e luoghi, a Catanzaro, al Cus di Catania con la Croce Rossa, ad Avellino e ad Alghero con autoemoteca.

Ma poiché gli appuntamenti sono davvero tantissimi consigliamo di orientarsi attraverso i social come Facebook e Twitter per scoprire in pochi minuti tutte le donazioni speciali attive in Italia in questo week-end. Il social network per eccellenza è sempre sottovalutato per la sua capacità informativa, che dovrebbe essere invece il suo valore principale. È infatti possibile consultarlo per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni vicino a noi, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 23 febbraio, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come vediamo in basso. Tutti a donare dunque, senza alcun timore del freddo che verrà.

raccolta sangue Ricerca di Facebook

Dal Centro nazionale sangue, infine, arriva un video dimostrativo sulla corretta pratica della terapia trasfusionale, una guida rapida e veloce per migliorare il proprio livello informativo.

Risposta immediata alle carenze: subito appelli e raccolte speciali in Puglia e in molte regioni italiane. Vi diciamo dove donare.

donare-de-sange

Pochissime ore fa, il 10 gennaio, abbiamo raccontato delle carenze di sangue in alcune regioni italiane densamente popolate come Puglia, Liguria e Calabria, e della situazione al San Raffaele a Milano. Le risposte di associazioni e istituzioni non si sono fatte attendere.

In Puglia, per esempio, è stato stilato un calendario di raccolte speciali in tutta la regione per il week-end del 13-14 gennaio, pubblicato su molti network locali pugliesi. Noi ve lo proponiamo in figura 1 per una facilissima consultazione, in modo che chiunque possa raggiungere il centro trasfusionale più vicino.

Raccolta Sangue Gennaio 2018
Fig.1

C’è l’imbarazzo della scelta, e a dare l’esempio a tutti i concittadini, campagna elettorale o no, ci ha pensato il presidente regionale Michele Emiliano, come ha testimoniato con tanto di foto FoggiaToday, sottolineando anche la risposta immediata e numericamente poderosa dei pugliesi alle notizie della penuria.

Anche in Liguria, vista l’emergenza dovuta ai picchi influenzali, arriva un appello dalla politica: è del consigliere regionale del PD Pippo Rossetti, che incita i propri concittadini al dono, dopo che già lo avevano fatto nei giorni scorsi Avis e Fidas locali.

Buone notizie invece dalla Valdichiana: da La Nazione di Arezzo sappiamo infatti che il bilancio territoriale sulla raccolta del 2017 è molto buono con un aumento di circa 300 unità rispetto al 2016. Ne beneficia la raccolta sangue in Toscana, che secondo il Meteo del sangue è comunque in riserva per alcuni gruppi. Come vediamo in figura 2 infatti, mancano soprattutto i gruppi B-, 0+ e 0- e A- mentre è buona la situazione per l’AB.

meteo 12 genn
Fig.2

Notizie sparse: in Campania ci saranno donazioni e raccolte speciali nei prossimi giorni, per esempio a Maiori (Salerno), il 20 gennaio prossimo, e così in Sardegna, a Luras in provincia di Olbia, grazie ad Avis. News positive anche dal Lazio, giacché apprendiamo da NewTuscia.it che l’Avis provinciale di Viterbo ha donato un’autoemoteca alla Asl del capoluogo.

Da non dimenticare infine, la solita regola. Utilizziamo Facebook a scopo informativo, per scoprire in pochi minuti tutte le donazioni speciali attive in Italia in questo week-end, e quella più vicino a noi.

Il social network per eccellenza è sempre sottovalutato per la sua capacità informativa. È invece possibile consultarlo per acquisire informazioni immediate sulle tantissime raccolte e donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi sabato 13 gennaio, proseguendo con le donazioni in programma fino a fine mese. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come si vede in figura 3.

sangue Ricerca di Facebook
Fig.3