Continua lo sviluppo di ABzero il drone salvavita di ideazione tutta italiana

MELI8513

È un progetto che seguiamo da molto tempo, dalle sue fasi iniziali, quando sul blog, nel 2018, abbiamo mostrato le immagini del primo volo di presentazione. Ma il drone trasporta sangue progettato e sviluppato dalla start-up italiana ABzero, continua ad affinarsi e fare progressi in attesa di poter diventare una vera e propria realtà a servizio del sistema trasfusionale.

Sono state tantissime, nell’ultimo mese, le occasioni in cui si è parlato del drone ABzero in scenari importanti, a partire dal congresso SIMTI (Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia) a Rimini dal 9 all’11 maggio, in un gran numero di eventi legati al mondo dell’innovazione e delle start-up utili al bene comune a Lucca, al Polo Tecnologico Navacchio (in basso nel tweet), fino all’ingresso del progetto Un drone per la vita in scenari accademici, con la presentazione da parte di Giuseppe Tortora, uno degli inventori, a studenti neozelandesi giunti in visita all’Università di Pisa.

ABzero potrà davvero diventare uno strumento utile e importante per il sistema sanitario italiano. Ricordiamo che l’obiettivo dei progettatori è quello di consentire via drone, grazie a un’app appositamente programmata, il trasporto a breve raggio (fino a 40 km di distanza) e 7 giorni su 7 per 24 ore su 24, il trasporto e lo spostamento per questioni di emergenza di sacche di sangue da una struttura sanitaria all’altra. I droni ABzero avranno inoltre una capacità di carico, il cosiddetto payload, piuttosto rilevante, visto che potranno trasportare fino a 10 chilogrammi di materia (10 o più sacche di sangue o emoderivati) più medicine o attrezzature varie, con il massimo della sicurezza gestibile da remoto.

Anche negli Stati Uniti il progetto dei droni che trasportano organi, sangue o strumenti di emergenza per il salvataggio di vite umane è in fase avanzata di sviluppo, come ha segnalato in un pezzo da non perdere la giornalista Rosita Rijtiano su Scienze di Repubblica, lo scorso 16 maggio.

Ecco perché, avere una start-up di progettazione e creazione tutta italiana che opera sul nostro territorio, non può che essere un ulteriore vanto.

Ecco, nell’ultima presentazione, tutti i benefici possibili e le immagini esclusive di ABzero in azione.

Il drone che trasporta sangue, il futuro è un po’ più vicino

24068314_1988829168021190_178310206752836788_n

Già nel 2016 avevamo accennato all’ambizioso progetto di trasportare sangue ed emoderivati con i droni, almeno per brevi distanze (8-12 miglia): allora a impegnarsi era una start-up fortemente voluta dalla società americana Zipline che lavorava al progetto sotto i cieli della California, e che aveva già sperimentato il sistema di trasporto via drone in Ruanda, al fine di lenire le difficoltà ematiche delle donne post-parto sfruttando lo spazio aereo praticamente immacolato del paese africano.

Oggi lo stesso identico progetto è in mano a una start-up italiana chiamata ABZERO, una società di social innovation con sede a Pisa che mira a sviluppare invenzioni e innovazioni in grado di incidere su problemi di natura economico sociale che riguardano l’intera collettività.

Il drone salvavita (hashtag #undroneperlavita) che trasporta sangue è il cavallo di battaglia di ABZERO: il progetto punta infatti a costruire un drone in grado di offrire un servizio di trasporto immediato, in caso di emergenza, di sacche di sangue, emoderivati, medicinali di vario genere e attrezzature leggere tra strutture sanitarie, sette giorni alla settimana e per 24 ore ogni giorno.

Naturalmente il drone potrà agire su corto raggio per distanze fino a 40 chilometri, e sarà interamente automatico in tutte le fasi del trasporto, dal decollo all’atterraggio. L’intero processo si potrà gestire interamente attraverso un’applicazione su smartphone, e la società costruttrice stima una riduzione dei tempi di trasporto pari all’80% sulle brevi distanze (10/15 km) e di circa il 50% sulle distanze medie (30/40km).

La sicurezza? Garantita da un paracadute incorporato che si attiva in caso di avaria.

Il progetto è a buon punto. Il volo di presentazione del prototipo, documentato da un video su YouTube, è già avvenuto:

Di ABZERO ha parlato nei giorni scorsi anche il Corriere della Sera, sottolineando come il drone salvavita sia tra i progetti prescelti da Bioupper, un bando di concorso sponsorizzato dalla Fondazione Cariplo che finanzia progetti innovativi nei settori di scienza e salute.

Non resta dunque che aspettare ancora un po’, per capire se sarà realmente possibile risolvere e calibrare tutti gli aspetti tecnici e burocratici che consentirebbero al sistema ABZERO #undroneperlavita di entrare effettivamente in servizio, creando un ulteriore valore aggiunto per l’efficienza delle aziende sanitarie, e un beneficio per pazienti e comunità.