“Senza i donatori gli interventi non sarebbero possibili”. L’intervista al dottor Massimo Cardillo, direttore del Centro nazionale trapianti

7623_1

Tra le funzioni più importanti delle sacche di sangue donate dai donatori italiani, c’è quello di coprire il bisogno di sangue per le operazioni chirurgiche, tra cui naturalmente i trapianti. Pazienti dunque. Pazienti che non devono correre il rischio di vedere rimandate le loro operazioni e che come sempre hanno il diritto di poter contare sul più alto livello di qualità e sicurezza per la loro salute, e per i quali l’efficace collaborazione tra le istituzioni che gestiscono i processi come il Centro nazionale sangue e il Centro nazionale trapianti è senza dubbio un valore aggiunto. Per conoscere quali sono i piani di collaborazione tra gli enti e quali programmi futuri saranno condivisi, abbiamo intervistato il direttore del Centro nazionale trapianti Massimo Cardillo, che ci ha parlato di programmazione, comunicazione, futuro e tanti altri temi.

1) Dottor Cardillo partiamo dalla vostra ultima campagna presentata in collaborazione con Lucca Comics: perché i donatori sono degli eroi?

In realtà quella del donatore-supereroe è un’immagine provocatoria per dire l’esatto opposto: l’eroe è una persona normalissima capace di una decisione che si traduce nella salvezza di altre persone. L’eroismo della donazione, quindi, sta nell’effetto di questa decisione, e non nella sua straordinarietà. La donazione degli organi, come la donazione di sangue, non comporta alcun sacrificio. Nel caso degli organi, la verità è che dopo la morte il nostro corpo non ci serve più, mentre può essere una fonte di vita per altri. Quello che bisogna spiegare meglio ai cittadini è che il prelievo degli organi viene effettuato solo dopo che la morte è stata accertata, che l’accertamento avviene secondo criteri rigorosi che vengono verificati da più medici, che gli organi vengono assegnati ai pazienti che ne hanno più bisogno secondo criteri condivisi e trasparenti, che il trapianto è una terapia estremamente efficace, che può curare malati che non hanno altre alternative di trattamento, e che il nostro sistema sanitario offre a tutti i pazienti che ne hanno bisogno come un livello essenziale di assistenza.

2) Chi volevate raggiungere con la campagna?

In particolare, la collaborazione con Lucca Comics si pone come obiettivo principale quello di intercettare il mondo dei giovani, che sono particolarmente portati a recepire e veicolare il messaggio della donazione. I dati a nostra disposizione sulla registrazione della manifestazione di volontà in vita all’atto del rinnovo della carta di identità (progetto “Una scelta in Comune” del CNT) ci dicono infatti che i giovani sono la categoria più sensibile al tema della donazione e più propensa a manifestare in vita una volontà positiva. Non dimentichiamo, infine, che i giovani hanno anche la capacità di veicolare questo messaggio all’interno della famiglia, determinando un effetto complessivamente positivo anche su altre fasce della popolazione.

3) Talvolta, quando si devono trovare e parole giuste per invogliare la gente a donare sangue, il concetto che chi dona è un “eroe” rischia di essere un’arma a doppio taglio. A una comunicazione calda e affascinante si sacrifica la normalità del gesto etico, secondo cui donare deve essere un gesto quasi naturale, come alzarsi al mattino o respirare. Che ne pensa?

E’ vero, questo rischio esiste: non per niente la campagna che il CNT e il Ministero della Salute lanciarono nel 2014 e dalla quale è nata la mostra di Lucca Comics aveva come slogan: “Per salvare una vita non servono superpoteri: basta una firma”. L’antidoto è una comunicazione progressiva, perché ha a che fare con la consapevolezza ed il livello di conoscenza delle persone. In tema di donazione di organi, oggi molto è cambiato rispetto ad alcuni anni fa, e certamente le persone sono più e meglio informate sul tema della donazione, ma forse i tempi non sono ancora maturi perché la decisione di donare sangue o i propri organi dopo la morte sia considerata una scelta naturale o scontata. Lo deve diventare, ma per raggiungere questo obiettivo è necessario un forte impegno della rete trapiantologica e delle Istituzioni nel comunicare questi temi in modo adeguato. Oggi queste scelte devono essere riconosciute, devono costituire un esempio da seguire, perché domani possano essere considerate normali, è un problema di crescita culturale.

4) Come si comunica alle nuove generazioni la bellezza di un gesto come il dono, che si tratti di sangue o altro?

Lo si fa soprattutto facendo leva sul naturale slancio e generosità delle giovani generazioni e sul loro amore per la vita. Poi bisogna usare il linguaggio e gli strumenti di comunicazione dei giovani, puntando sulla semplicità e nello stesso tempo la forza del messaggio della donazione, senza disdegnare anche una sana autoironia, che, se sapientemente dosata, fa sempre breccia nella mente e nel cuore dei ragazzi. Un esempio apprezzato di questo lo abbiamo sperimentato con il video realizzato dal duo comico “Le Coliche” per la campagna di promozione della donazione di cellule staminali emopoietiche, lanciata da CNT e CNS con il Registro IBMDR durante la settimana “Match it Now”, che ha affrontato questo delicato tema con questo spirito, ricevendo tanti apprezzamenti proprio dai giovani.

5) Parliamo di autosufficienza ematica. Perché è importante che si raggiunga anche per voi del Centro nazionale trapianti?

Le connessioni tra la rete trapianti ed il sistema sangue sono tante e solidissime. Basti pensare al fatto che oggi si eseguono di routine trapianti estremamente complessi, come il trapianto di fegato, che richiedono un apporto trasfusionale alle volte molto elevato, di decine di sacche di sangue trasfuse al paziente. Questi interventi non sarebbero possibili se non ci fosse negli ospedali un solido sistema della donazione di sangue, capace di reclutare tanti donatori, di selezionarli al meglio, e di utilizzare questa preziosa risorsa nel migliore dei modi. Oggi il sangue non può essere validamente sostituito da sostanze artificiali, la disponibilità di sangue dipende solo dalla capacità del sistema sanitario di attrarre i donatori, promuovere il loro gesto, fidelizzarli, e seguirli anche nei percorsi di prevenzione.

6) Esistono forme di collaborazione tra Centro nazionale sangue e Centro nazionale trapianti? Quali?

Le collaborazioni sono tante, e riguardano anche alcune preziose aree di confine, come quella della donazione e trapianto di cellule staminali emopoietiche. Il donatore di sangue, infatti, è il soggetto ideale al quale proporre questo tipo di donazione, per la sua motivazione e fidelizzazione. I centri trasfusionali dei nostri ospedali dovrebbero diventare luoghi di promozione della donazione a 360 gradi, valorizzando tutte le sinergie che la rete trapiantologica può offrire. Tutte le iniziative di sostegno alla donazione di cellule staminali, organizzate in questi anni, hanno visto una straordinaria “partnership” di CNT e CNS, che ha portato, grazie anche all’aiuto delle associazioni di volontariato, ad un grandissimo aumento del numero di potenziali donatori reclutati.

7) E nel futuro cosa dobbiamo aspettarci?

Un’area area di collaborazione, strategica per gli scenari futuri, riguarda l’utilizzo di prodotti derivati dal sangue per finalità non trasfusionali, ma di cura cellulare o tissutale di alcune patologie. Questa tematica sta vivendo oggi una stagione di crescente interesse, che nasce dai buoni risultati ottenuti in alcuni studi sperimentali, e dalle potenzialità di applicazione in ambiti diversi. Il tema normativo sotteso allo sviluppo di questa tematica è molto complesso, in quanto si tratta di bilanciare l’utilizzo etico del prodotto di derivazione umana e gli interessi commerciali delle aziende che sull’utilizzo di questi prodotti vogliono investire.

8) Da diverso tempo su Buonsangue proviamo a comunicare al pubblico dei nostri lettori l’importanza del ruolo del paziente nel sistema trasfusionale, ma ovviamente il principio vale per la sanità in generale. È d’accordo? Il sistema italiano è ancora migliorabile da questo punto di vista?

Questo tema è di fondamentale importanza. La centralità del paziente nei percorsi di cura, dovrebbe essere un concetto quasi scontato, ma è troppe volte dimenticato nell’organizzazione dei sistemi sanitari a tutti i livelli. E’ necessario ripensare ai modelli organizzativi della sanità intra ed extra-ospedaliera, integrando meglio la rete sanitaria con la rete dei servizi sociali, perché il paziente prima di essere tale è un individuo. Questa è una sfida straordinaria per il futuro, nel quale incominciano a delinearsi scenari di difficile sostenibilità dei sistemi, con una offerta di cure e tecnologie sempre più costose, da destinare ad una popolazione sempre più anziana, con tante comorbidità, che richiede pieno accesso a queste terapie. Forse è la sfida più importante che un sistema sanitario solidaristico come quello italiano dovrà affrontare nei prossimi anni, e si potrà vincerla solo attraverso la razionalizzazione dell’uso delle risorse, l’abolizione degli sprechi e la capacità di lavorare insieme. Il sistema sangue ed il sistema trapianti sono sulla buona strada.