Continua lo sviluppo di ABzero il drone salvavita di ideazione tutta italiana

MELI8513

È un progetto che seguiamo da molto tempo, dalle sue fasi iniziali, quando sul blog, nel 2018, abbiamo mostrato le immagini del primo volo di presentazione. Ma il drone trasporta sangue progettato e sviluppato dalla start-up italiana ABzero, continua ad affinarsi e fare progressi in attesa di poter diventare una vera e propria realtà a servizio del sistema trasfusionale.

Sono state tantissime, nell’ultimo mese, le occasioni in cui si è parlato del drone ABzero in scenari importanti, a partire dal congresso SIMTI (Società Italiana di Medicina Trasfusionale e Immunoematologia) a Rimini dal 9 all’11 maggio, in un gran numero di eventi legati al mondo dell’innovazione e delle start-up utili al bene comune a Lucca, al Polo Tecnologico Navacchio (in basso nel tweet), fino all’ingresso del progetto Un drone per la vita in scenari accademici, con la presentazione da parte di Giuseppe Tortora, uno degli inventori, a studenti neozelandesi giunti in visita all’Università di Pisa.

ABzero potrà davvero diventare uno strumento utile e importante per il sistema sanitario italiano. Ricordiamo che l’obiettivo dei progettatori è quello di consentire via drone, grazie a un’app appositamente programmata, il trasporto a breve raggio (fino a 40 km di distanza) e 7 giorni su 7 per 24 ore su 24, il trasporto e lo spostamento per questioni di emergenza di sacche di sangue da una struttura sanitaria all’altra. I droni ABzero avranno inoltre una capacità di carico, il cosiddetto payload, piuttosto rilevante, visto che potranno trasportare fino a 10 chilogrammi di materia (10 o più sacche di sangue o emoderivati) più medicine o attrezzature varie, con il massimo della sicurezza gestibile da remoto.

Anche negli Stati Uniti il progetto dei droni che trasportano organi, sangue o strumenti di emergenza per il salvataggio di vite umane è in fase avanzata di sviluppo, come ha segnalato in un pezzo da non perdere la giornalista Rosita Rijtiano su Scienze di Repubblica, lo scorso 16 maggio.

Ecco perché, avere una start-up di progettazione e creazione tutta italiana che opera sul nostro territorio, non può che essere un ulteriore vanto.

Ecco, nell’ultima presentazione, tutti i benefici possibili e le immagini esclusive di ABzero in azione.