Una mattina ricca di spunti

 

newsMolti ospiti e mille spunti di dibattito nella prima parte del seminario sull’autosufficienza a Mestre. Si parte con Aldo Caligaris e il plasma come bene etico per la comunità ed emerge sin da subito una domanda a mio parere decisiva. Con il nuovo accordo NAIP del triveneto e associate si va verso il libero mercato, è vero (per un momento accettiamo l’assunto che lo strumento “mercato” sia neutro), ma chi garantisce che nel medio periodo non siano le associazioni ad essere “controllate” dalle aziende?

E’ un punto che mi pare fondamentale per l’autosufficienza, tanto da essere ripreso nei successivi interventi di Vincenzo Saturni (Presidente Fidas Nazionale), di Francesco Carugi (Presidente del gruppo Aziende emoderivati di Farmindustria) e da Antonio Breda (Coordinamento Regionale Attività trasfusionali del Veneto).

Proprio nel rapporto, delicato, complesso, tra associazioni, istituzioni e impresa, si determina l’equilibrio dl sistema trasfusionale italiano, e la sua appropriatezza in termini di sicurezza e qualità. Il NAIP del Triveneto apre delle nuove strade (approfondiremo perchè). E’ importante essere certi che si tratti di strade lineari, comode, accoglienti, e nient’affatto tortuose.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *