Raccolta plasma a marzo 2019: un calo da non sottovalutare

2018_121_manifesti_tracciato_A4

Arrivano i dati sulla raccolta plasma di marzo 2019, e questa vota purtroppo non è possibile dare buone notizie, visto che il “termometro” segna un – 11,2% rispetto allo stesso periodo del 2018. Un dato inaspettato, un calo netto, che rispetto ai primi due mesi del 2019 altamente positivi è un’inversione di tendenza, che non può non rappresentare un campanello d’allarme in vista dei mesi estivi. Cosa è accaduto?

A gennaio la crescita era stata del 4,8%, mentre a febbraio il miglioramento rispetto al 2018 era stato del 2,9%, e parte dei meriti sicuramente sono da distribuire tra il lavoro serrato delle associazioni sul campo e le possenti campagne pubblicitarie. Ora, passati i mesi invernali con le classiche difficoltà di spostamento e l’incidenza (seppur tamponata) dei mali stagionali, bisogna tornare a potenziare i livelli di raccolta.

In figura 1, ecco il dettaglio dei dati di raccolta di marzo 2019 a confronto con marzo 2018 regione per regione: Crescono solo Valle d’Aosta (+8,3%), Provincia autonoma di Trento (+2,9%), Toscana (+2,8%), Lazio (+1,9%) e Liguria (+1,9%). In calo tutte le altre regioni con picchi negativi in Umbria (-45,5%), Puglia (-42,6%) e Molise (-40,2%).

Dati monitoraggio plasma conferito dalle Regioni alle Aziende convenzionate – marzo 2018

Fig.1

In figura 2, tabella 3, invece è possibile fotografare l’andamento della raccolta regione per regione nel progressivo del 2019, a confronto con il progressivo 2018, da gennaio a marzo, con i valori espressi in chilogrammi. Si apprende così, che nel complesso il calo è meno rilevante, perché nei numeri totali sono soltanto tremila i chilogrammi in meno nel 2019. Una quantità altamente recuperabile nei mesi che verranno. Sul piano regionale, da notare, secondo noi, il dato dell’Emilia Romagna che è abbondantemente positivo, così come quello della Campania e quello del Piemonte. Deve recuperare invece la Puglia, dietro di circa duemila chili, e deve migliorare la Lombardia, regione guida nella raccolta italiana con un volume decisamente superiore a tutte le altre regioni, dove si registra un calo in questi primi tre mesi del 2019 di circa mille chili.

Dati monitoraggio plasma conferito dalle Regioni alle Aziende convenzionate – Marzo 2018 (2)

Fig. 2

Sotto allora con l’impegno, le campagne di sensibilizzazione e l’azione coordinata di tutti gli attori di sistema. L’autosufficienza, lo sappiamo bene, è un risultato da guadagnare ogni anno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *