Il sangue, la raccolta, la cultura del dono, temi sempre più seguiti e valorizzati: quattro notizie interessanti

fsl_news_sangue

Ce lo auguriamo da sempre, e nel corso di questi due anni in cui Buonsangue è attivo possiamo dire che l’attenzione dei nuovi media e del pubblico verso il sangue e i temi di natura politica, culturale, sanitaria e informativa a esso collegati, è di molto aumentata. È solo un bene: l’autosufficienza ematica è un vero e proprio patrimonio per una nazione come l’Italia, in cui, lo ricordiamo, il dono è anonimo, volontario, gratuito, associato e organizzato, grazie a una collaborazione ben oliata tra i principali attori del sistema, ovvero donatori, corpo medico e istituzioni che assicura una buona qualità dei servizi trasfusionali (sempre migliorabile) e grande sicurezza: un quadro che funge da esempio positivo a livello internazionale e che anche per questo non deve cambiare.

In questo senso, nelle ultime ore sono arrivate quattro notizie di assoluta rilevanza, che siamo ben lieti di riportare.

La prima arriva dal Veneto, e precisamente da Vicenza. Tante volte abbiamo parlato di integrazione, e di quanto, in chiave futura, il dono dei cittadini stranieri possa essere importante affinché in ciascuna comunità tutti i cittadini possano essere coperti dalla possibilità di ricevere trasfusioni. E a tal proposito va riconosciuto l’impegno di Fidas, che tempo fa ha anche commissionato uno studio sull’argomento da noi ripreso e pubblicato, ed ecco perché appuntamenti come quello di lunedì 23 aprile, in cui ben 600 musulmani sono stati sensibilizzati sulla cultura del dono da Fidas al Centro Islamico di Vicenza, sono un esempio per tutto il paese.

La seconda notizia arriva invece dal web, e riguarda l’informazione a disposizione per tutti i donatori. È infatti nato il portale http://donatorih24.it/, un portale di informazione integrata interamente dedicato al sistema sangue e ai 2 milioni e mezzo di donatori italiani che ogni giorno potranno contare su news e approfondimenti, notizie sulle donazioni speciali, informazioni di servizio, chiarimenti su regolamenti e parole chiave, e avranno la possibilità di consultare un’ampia sezione multimediale con video e contenuti speciali. L’ideatore e direttore responsabile della testata è Luigi Carletti, giornalista e scrittore di grande esperienza che vanta una collaborazione più che trentennale con il Gruppo Espresso. Professionali, ma anche e soprattutto legate all’esperienza individuale, le motivazioni che hanno portato Carletti a volere fortemente un sito di servizio a disposizione per tutti i donatori, come si può leggere nel suo editoriale inaugurale. Da parte nostra ci auguriamo che su donatorih24, il tema sangue sia trattato in modo puntuale, mai scandalistico o strumentale come spesso avviene sui media tradizionali, che di sangue finiscono per parlare troppo spesso solo in caso di carenze o incidenti.

La terza delle notizie riguarda il mondo della formazione: il ricambio generazionale per i dirigenti associativi è un tema centrale per assicurare alle associazioni un management sempre aggiornato e pronto a raccogliere le sfide con il futuro. Anche nel 2018 (nel 2017 Buonsangue ha raccontato molto approfonditamente ogni modulo didattico) sarà dunque confermata la Scuola di Formazione Avis in collaborazione con Fondazione Campus di Lucca e Kedrion Biopharma, azienda farmacologica italiana impegnata nella plasmalavorazione. Ecco il programma 2018 per tutti gli avisini interessati.

Infine, a testimonianza di come l’Italia sia un paese guida nel mondo in quanto ad attenzione per la cultura del dono, ci avviciniamo all’assemblea FIODS (Federazione Internazionale delle Organizzazioni di Donatori di Sangue) 2018 che si terrà a Roma, all’hotel Ergife, il 28 e 29 aprile prossimi, accogliendo delegati da tutto il mondo.  Ricordiamo che la presidenza Fiods è affidata dal 2011 proprio a un italiano, Gianfranco Massaro, già presidente di Avis Molise. Una bellissima occasione per coordinare le attività del dono su scala interazionale secondo i principi guida del sistema italiano, tra i più apprezzati al mondo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *