Primavera con una grande fioritura di iniziative a favore del dono, tante notizie e qualche carenza: bisogna donare in questi mesi e non smettere con l’arrivo del caldo

tulips_red_flowers_spring_close_colorful_color_tulipa-834079

È davvero una primavera di idee e iniziative questo aprile per il sistema sangue. Qualche giorno fa abbiamo pubblicato i dati sul plasma relativi al mese di marzo e al trimestre gennaio marzo 2018, riscontrando una lieve flessione complessiva dello 0,4%. Ben vengano allora le tantissime attività volte a promuovere, incrementare e rafforzare la cultura del dono dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, anche se nel prossimo week-end le notizie principali arrivano soprattutto dalla Toscana.

A Piombino (Livorno), importante attività in sinergia tra associazioni, istituzioni sanitarie e scuola, con Asl Toscana Nord Ovest, Ail, Avis e Fratres insieme per sensibilizzare i ragazzi alla donazione di sangue. Tanti gli incontri organizzati nel corso dell’anno scolastico per informare i ragazzi sull’iter necessario per accedere al centro trasfusionale, come riporta Il Tirreno.

E sempre su Il Tirreno leggiamo che a Pontedera (Pisa), il centro trasfusionale locale si arricchisce di nuovi macchinari dopo l’incendio dei mesi scorsi. Si tratta di un miglioramento del servizio in una struttura che vuole tornare presto a una raccolta sangue di altissimo livello, integrando i giovani nuovi donatori a quelli periodici.

Al Mugello, all’autodromo internazionale che si trova in provincia di Firenze andrà in scena le festa ei donatori con tanti ospiti importanti dal mondo dello sport a due e quattro ruote, e tante associazioni. Un evento assolutamente da non perdere di cui è possibile controllare il ricco programma su http://www.okmugello.it/mugello/domenica-la-festa-del-donatore-allautodromo-del-mugello-info-e-programma.

LOCNDINA-DONATORI-DI-SANGUE-

In quanto alla situazione regionale della raccolta, dopo settimane buone ora il trend è peggiorato nelle ultime tre, come possiamo vedere sul sito del Meteo del sangue: ottima la situazione per il gruppo AB+ e necessità impellenti per tutti gli altri gruppi (Fig.1).

https web2 e toscana it crs meteo

Fig.1

In Sardegna, davvero notevole l’attività di raccolta regionale grazie all’impegno delle solite “tre gambe” che reggono il sistema trasfusionale, donatori, istituzioni e corpo medico. Su Quotidiano Sanità leggiamo infatti che i dati degli ultimi anni sono in costante crescita i donatori del 2017 sono stati 57.398, contro i 55.700 del 2016, i 54.460 del 2015, i 54.151 del 2014. Stesso trend per le unità di sangue raccolte, 85.061 nel 2017 contro le 78.924 del 2014. Numeri positivi che hanno consentito alla regione di ricevere la menzione del direttore del Centro nazionale sangue Giancarlo Maria Liumbruno. Sul sito della regione Sardegna l’assessore alla sanità Arru ha parlato dei meriti della riorganizzazione del sistema trasfusionale.

In Puglia l’impegno in favore della cultura del dono si traduce nel rinnovo dell’accordo tra Avis e Anci (Associazione nazionale dei comuni italiani) in vista di organizzazioni congiunte di eventi in favore del dono e giornate di donazione speciale.

 

Associazioni e comuni, dunque: un tipo di sinergia che funziona anche al nord, tanto che in Veneto, ad Arzignano in provincia di Vicenza, come si legge sull’Eco Vicentino, comune e Fratres locale hanno stabilito di lavorare insieme per dare il massimo supporto informativo ai donatori.

A nord-est, in Friuli, la situazione raccolta prevede qualche carenza grave: si tratta dei gruppi A- e AB- mentre per gli altri situazione sotto controllo (Fig.2).

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine

Fig.2

In Sicilia, a Patti (Messina), l’azienda sanitaria locale si dota di un’autoemoteca per contrastare i momenti di carenza e operare un’azione più continua sul territorio, come ci informa il magazine di informazione locale www.98 zero.com.

In Calabria, l’Avis comunale di Reggio Calabria avvisa di una donazione speciale da non mancare domenica 22 aprile, per far fronte a una carenza:

Infine, prima di passare alle donazioni più vicine a voi facilissime da cercare su Facebook, due notizie dal mondo della ricerca: su Parma Today leggiamo che grazie alla scoperta di due proteine sentinella diviene possibile una diagnosi precoce su tumori al polmone direttamente dalle analisi del sangue (da una ricerca dell’Università della South Carolina), mentre su Il Sole24ore Salute apprendiamo che a breve potrebbe essere disponibile un test del sangue per prevedere i rischi dell’Alzheimer. Si tratta di uno studio pubblicato sulla rivista EMBO Molecular Medicine, ricerca sviluppata da una sinergia tra ricercatori tedeschi e svedesi coordinati dal German Cancer Research Center di Heidelberg (Germania). L’esame permetterebbe di predire con 8 anni d’anticipo l’eventualità di essere colpiti dal male.

Per concludere, ricordiamo che è sempre molto facile individuare le tantissime donazioni del week-end in tutta Italia, e in particolare quelle vicino a noi.

Facebook è lo strumento migliore, grazie alla sua grande capacità informativa su larga scala. È infatti possibile consultarlo per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 20 aprile, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come in Fig.3.

donazione sangue Ricerca di Facebook

Fig.3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *