Nelle ultime ore casi di emergenza sangue in molte zone d’Italia: ecco le segnalazioni da Sardegna, Toscana, Puglia e Marche

trasfusione

Mai abbassare la guardia. Dopo i ponti delle festività di fine aprile e inizio maggio, non sono pochi i casi di emergenza sangue in Italia.

In Sardegna il più diffuso giornale locale, L’Unione Sarda, chiede una vera e propria rivoluzione culturale per evitare che lo stato di emergenza sangue diventi una condizione perpetua, con 30 mila sacche in meno rispetto all’obbiettivo delle 110 mila unità annue che garantirebbero il fabbisogno regionale: http://www.unionesarda.it/articolo/cronaca/2017/05/07/sangue_di_nuovo_emergenza_in_sardegna_necessarie_pi_donazioni-68-598013.html. Lavoro di comunicazione sul territorio e migliore organizzazione sugli orari delle strutture regionali: ecco alcune delle possibili soluzioni ipotizzate dal presidente di Thalassa Azione di Cagliari, Matteo Pusceddu.

Anche dall’Elba arrivano appelli alla donazione: http://www.quinewselba.it/portoferraio-emergenza-sangue-mancano-i-gruppi-a-e-0.htm e a lanciare l’allarme è il presidente dell’Avis Dante Leopardi. E in effetti, se andiamo a controllare la situazione del Meteo del Sangue in Toscana aggiornato a venerdì 5 maggio (e in procinto di un nuovo aggiornamento) si può osservare che all’inizio del week-end la situazione non era affatto rosea: le scorte dei gruppi 0- 0+ A- A+ risultavano in situazione di emergenza.

meteo sangue toscana

In Puglia, a Mesagne in provincia di Brindisi, per far fronte all’emergenza immediata si è pensato di coinvolgere la squadra di calcio locale, e di organizzare una donazione straordinaria che è stata effettuata nella giornata di sabato 6 maggio: http://www.brindisireport.it/cronaca/emergenza-sangue-donazione-serale-a-mesagne-con-la-virtus.html.

Nelle Marche, invece, il sito internet del quotidiano locale Il Corriere Adriatico riporta la notizia di alcuni interventi chirurgici rimandati a causa della carenza di sangue all’azienda ospedaliera di Ancona: http://www.corriereadriatico.it/ancona/ancona_marche_dopo_ponti_manca_sangue_sospesi_interventi_chirurgici_programmati-2420950.html.

Così, l’appello al dono per tutti i marchigiani è il tema centrale dell’intervista rilasciata da Michele Caporossi, direttore generale degli Ospedali Riuniti, al quotidiano anconetano Centropagina: http://www.centropagina.it/ancona/carenza-di-sangue-caporossi-donate/.

Nel Lazio, infine, Il Clandestino (giornale web) riporta in cronaca l’iniziativa di due consiglieri regionali allo scopo di portare al massimo regime di funzionamento il centro trasfusionale di Anzio, con orari e aperture più frequenti: http://www.ilclandestinogiornale.it/politica/44728/44728/.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *