Due premi a tema sangue: annunciati i vincitori del concorso Avis per giovani autori di campagne pubblicitarie, mentre il premio giornalistico Fidas Isabella Sturvi entra nel vivo

immagine mani

Per un premio a tema sangue che si conclude, un altro entra nelle sue fasi finali.

Avis e Fidas, come sempre impegnatissime nelle mille attività utili a rafforzare la cultura del dono attraverso un grande ventaglio di attività molteplici, hanno in serbo anche l’organizzazione di concorsi per giovani creativi ideatori di campagne per il dono, e premi speciali per giornalisti e addetti ai lavori che si occupano di raccontare il sistema sangue con correttezza, professionalità e sapienza informativa.

Ma procediamo per ordine: lo scorso novembre vi avevamo annunciato il concorso “Dono Ergo Siamo” organizzato da Avis provinciale di Pescara, un concorso grafico che rientrava nel protocollo d’intesa tra AVIS e Miur (Ministero istruzione università e ricerca).

Il concorso, in collaborazione della Scuola internazionale di Comics con la sua referente Raffaella Massaccesi, e con Games Accademy Pescara con il suo titolare Fabio Zuccarini, era rivolto agli studenti maggiore di anni 15 della Scuola Internazionale di Comics, e sono stati più di 50 i lavori giunti nelle mani della giuria, presieduta, oltre che dai succitati Massaccesi e Zuccarini, da Camillo Bosica, presidente Avis Provinciale Pescara, e Claudia Firenze, segretario di Avis Nazionale.

Ecco la classifica finale dei primi tre classificati:

1° Classificato

Anita Magnani, “Condividi chi sei dal vero”, Scuola Internazionale di Comics città di Reggio Emilia

primo

2° Classificato

Carlotta Cirilli, “Asso di Cuori”, Scuola internazionale di Comics città di Pescara

Concorso Avis

3° Classificato

Luigi Iannelli, “Dono Ergo Siamo”, Scuola internazionale di Comics città di Roma

terzo

Importante notare la qualità dei lavori, riusciti non solo dal punto di vista dell’efficacia delle immagini, ma anche nel connubio tra potenza visiva e capacità evocativa dei messaggi, che pongono il valore chiave della condivisione e dell’unione tra persone, attraverso simboli come il cuore e la goccia di sangue, che divengono metafora della vita stessa.

Di altra natura è invece il premio Fidas Isabella Sturvi, giunto alla sua ottava edizione e rivolto ai giornalisti che nel corso dell’anno si sono dedicati al racconto di aspetti legati al sistema sangue.

Il 10 marzo si è chiusa la selezione dei materiali, e ora, come da comunicato Fidas, questi i passaggi mancanti. “Tredici tra giornalisti e referenti associativi (tra cui Buonsangue n.d.r.) avranno il compito di scegliere i due vincitori, uno per la sezione nazionale, l’altro per la sezione locale, mentre il Consiglio Direttivo nazionale FIDAS potrà attribuire un premio speciale. I vincitori saranno premiati a Napoli all’apertura del 57° Congresso nazionale FIDAS venerdì 27 aprile”.

Con i premi per ora è tutto. Arrivederci a fine aprile, quando saremo lieti di comunicare i risultati finali del Fidas Isabella Sturvi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *