Donare ha benefici soprattutto per chi dona: il rientro dalle vacanze ribadisce questo concetto tra casi di cronaca e attività associativa

immagine mani

Niente più scuse, agosto volge al termine e la raccolta sangue deve riprendere sui suoi livelli standard. Anzi meglio ancora se riprendesse a crescere progressivamente. Certo, gli ostacoli non mancano: il West Nile Virus (come abbiamo documentato solo pochi giorni fa) è una minaccia costante e concreta, ma dalle associazioni arrivano tante iniziative interessanti tra impegno, movimentazione e solidarietà. Giriamo un po’ l’Italia, allora, per conoscere tutti gli aggiornamenti a tema sangue, tra raccolte speciali, eventuali carenze e notizie da non perdere.

West Nile Virus: essere donatori aiuta a individuarlo e sconfiggerlo. È capitato così, per esempio, a un promotore finanziario milanese di 60 anni, che proprio grazie alla sua prima donazione ha scoperto di aver contratto il virus, per fortuna in forma lieve. Il Corriere della Sera gli ha dedicato addirittura un pezzo, a testimonianza di come questa malattia possa creare non poche complicazioni alla raccolta, anche perché nell’ottanta per cento dei casi si rivela asintomatica. L’Avis di Ferrara, per esempio, come possiamo leggere su La Nuova Ferrara, ha collegato proprio al West Nile il leggero calo di donazioni riscontrato nelle ultime settimane, ascrivibile a un timore da parte dei donatori per altro del tutto ingiustificato.

Il calo a Ferrara tuttavia non significa carenza, situazione che invece si vive in altre regioni d’Italia. Per esempio in Puglia, con problemi ai quali si riesce a ovviare grazie a grandi risposte di solidarietà. A Brindisi infatti, nei giorni scorsi mancava sangue del gruppo 0 per una giovane ragazza bisognosa, e l’obiettivo è stato raggiunto in poche ore anche grazie alla forza dei social. Sulla testata Brindisi Report sono arrivati i ringraziamenti del corpo medico verso la generosità dei brindisini, ma è bene ricordare che donare sangue è importante in ogni singolo momento dell’anno, non solo in caso di emergenze.

Anche perché, come dimostrano i casi di cronaca, donare sangue porta enormi vantaggi anche per chi dona. A Pontremoli, in provincia di Massa Carrara, La Nazione ci racconta di una donna donatrice associata alla Fratres che ha scoperto di avere un soffio al cuore proprio grazie al dono. Una scoperta che potrebbe averle salvato la vita.

La speranza è che storie come questa contribuiscano a migliorare la raccolta sangue in Toscana, ormai in difficoltà da diverse settimane.  Urgenze per i gruppi A-, B- e B+, emergenze per il gruppo 0 di entrambi i poli.

https web2 e toscana it crs meteo (1)

Fig.1

Intanto, nel resto di Italia, sono moltissime le iniziative delle associazioni.

In Sardegna, ad Alghero, oggi venerdì 31 agosto si tiene la nona raccolta speciale estiva organizzata ai giardini pubblici dall’Avis comunale, un modo ben congegnato per non interrompere i flussi per l’estate intera.

Stessa logica in atto in Sicilia: l’Avis di Campobello Licata, in provincia di Agrigento, organizza per oggi la “Giornata della raccolta di sangue”, a cura dell’Associazione italiana del sangue. Questo lo slogan: ‘Donare sangue: una scelta per gli altri, una scelta per se stessi”.

Ad Aversa, in provincia di Caserta, per ovviare all’emergenza sangue sono scesi in campo addirittura gli infermieri, con una donazione speciale a seguito di una campagna di sensibilizzazione, mentre buone notizie arrivano da Biella, in Piemonte, dove secondo la sede di Avis locale negli ultimi tempi si registra una forte presenza di donatori giovani in fila per fare il proprio dovere.

Se Biella ride, non è straordinaria la situazione del sangue in Friuli Venezia Giulia, come vediamo grazie ai rilevamenti del sito dei donatori di Udine. Carenze gravi per i gruppi A+, B+ e B-, mentre situazione sotto controllo per tutti gli altri.

A F D S Associazione Friulana Donatori Sangue Udine

Fig2.

Prima della parentesi social, due notizie di interesse collettivo. Per cominciare, fortunatamente il Consiglio di Stato ha rigettato l’interrogazione demagogica e ottusa del deputato leghista Fabio Badasci, che si era detto contrario alla decisione di concedere un congedo pagato di tre ore ai funzionari statali e ai docenti impegnati in una donazione di sangue. È sempre bene ricordare quanto il dono del sangue sia un gesto di assoluta importanza per il bene della comunità, e che come tale deve essere riconosciuto, sempre. Da leggere, inoltre, sul sito dell’AGI (Agenzia giornalistica italiana) l’intervento di Giancarlo Liumbruno, direttore del Centro nazionale sangue, a proposito della ricerca sul sangue universale (notizia circolata nei giorni scorsi), intervento volto a ribadire come qualsiasi accelerazione in questo senso non deve mai far sottovalutare l’importanza dei donatori.

Donare, donare, donare dunque. E per sapere in pochi secondi dove e quando farlo, ricordiamo che è facilissimo individuare tra le tantissime donazioni del week-end in tutta Italia quella più vicina a noi, e che in questo senso Facebook è lo strumento migliore. Grazie alla sua grande capacità informativa su larga scala, è infatti possibile consultare il social network per eccellenza non solo per polemizzare con le questioni in agenda setting, ma soprattutto per acquisire informazioni immediate sulle tantissime donazioni speciali in programma ogni giorno in tutto il Paese: basta digitare nel finder la stringa “donazione sangue” e cliccare nel menù sul comando “eventi” per ottenere la lista completa con date e orari di tutte le donazioni programmate nei prossimi giorni, dal week-end pronto a iniziare oggi venerdì 31 agosto, proseguendo con le donazioni in programma nelle prossime settimane. Basta scorrere, e trovare facilmente quella più vicina a noi dalle Alpi alla Sicilia, come si può vedere in figura 3. Anche se ormai la maggior parte degli italiani è nella fase di rientro dalle ferie, c’è ancora qualche ritardatario per cui vige il solito comandamento: prima donare, poi partire.

donazione sangue Ricerca di Facebook

Fig.3

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *