Il sangue artificiale: un filone di ricerca importante ma attenzione ai sensazionalismi

article-0-1D1C31D300000578-398_634x417

Foto: http://www.dailymail.co.uk

La notizia sulla produzione di sangue artificiale dalle cellule staminali lanciata dalla BBC http://www.bbc.com/news/health-39354627 e subito ripresa in anteprima italiana lo scorso venerdì da Buonsangue http://www.buonsangue.net/mondo/mondodono/, si è diffusa nelle ultime ore su larga scala su tutti i media italiani, dalla grande stampa tradizionale ai nuovi canali web.

Non tutti i media tuttavia hanno affrontano la questione con un approccio irreprensibile e non sono mancati i titoli eccessivamente ottimistici (per usare un eufemismo).

Molto sobria La Stampa di Torino, che riprende e spiega nei dettagli la situazione per com’è davvero, servendosi di una video news: http://www.lastampa.it/2017/03/27/multimedia/scienza/sangue-artificiale-per-la-prima-volta-prodotto-a-litri-dPCjub2TDyTfZteN7kRJlK/pagina.html. L’utilizzo delle staminali per la produzione di globuli rossi, infatti, non consente per ora, e probabilmente per molto altro tempo, la produzione di sangue artificiale di massa, grande obiettivo scientifico dei ricercatori impegnati sul sangue, ma orizzonte ancora molto lontano. Le staminali che producono artificialmente globuli rossi infatti vanno incontro alla morte, e ciò inibisce qualsiasi progetto di produzione su larga scala.

Approfondito l’intervento di Intelligonews, che citando la notizia originale BBC http://www.intelligonews.it/salute/articoli/27-marzo-2017/59195/sangue-artificiale-con-cellule-staminali-immortali-svolta-per-trasfusioni-rare/i ricercatori hanno sviluppato un processo che a partire da staminali adulte ottiene cellule eritroidi, quelle che fanno da precursore ai globuli rossi, capaci di replicarsi, e quindi ‘immortali’, ricorda anche che i test di sicurezza su questo tipo di sangue artificiale sono inizieranno soltanto entro l’anno in corso, per cui ci vorrà tempo per passare all’utilizzo medico vero e proprio.

Come specifica una videonews di Adnkronos inoltre http://www.adnkronos.com/salute/2017/03/27/cellule-staminali-immortali-litri-sangue-artificiale_firLi6R1zV97iuffrCJUOL.html, i costi produttivi del sangue artificiale risultano molto più alti di quelli di una semplice trasfusione, ragion per cui la ricerca sarà indirizzata soprattutto sullo sviluppo dei gruppi sanguigni più rari.

Un po’ presto dunque per titolare come alcune testate web http://www.dday.it/redazione/22867/il-sangue-artificiale-cambiera-in-meglio-il-mondo, che il sangue artificiale cambierà in meglio il mondo,  o che è in arrivo sangue artificiale “per tutti”: http://scienze.fanpage.it/sangue-artificiale-per-tutti-le-cellule-immortali-risolvono-il-problema-delle-trasfusioni/.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *