Il plasma che ringiovanisce i topi, il trattamento “vampire facial” e il virus Zika: giro del mondo con le news sul sangue

1415800819441_wps_46_london_england_november_1

Il sangue  è sempre un argomento molto discusso sui media mondiali.

L’importanza vitale della risorsa, i molteplici campi di studio e di ricerca, la generosità dei donatori e le diversità peculiari di ciascun sistema sangue nazione e dei diversi approcci culturali all’obiettivo strategico condiviso dell’autosufficienza ematica, fanno sì che essere informati su quello che accade nel mondo a proposito del sangue sia fondamentale.

Ecco perché ogni settimana www.buonsangue.net va alla ricerca di notizie, inchieste e curiosità provenienti dall’Italia e dal mondo.

In America la rivista New Scientist pubblica con una certa enfasi una notizia dal retrogusto inquietante. Da uno studio che consiste in trasfusioni di plasma da topi giovani a topi più anziani, arrivano risultati sorprendenti, che testimoniano un netto ringiovanimento della cavie riceventi. Effetti positivi fisici e cerebrali commentati anche da alcuni esponenti della Società per le Neuroscienze, che si auspicano che un giorno i vantaggi del plasma giovane in fase di trasfusione possano riguardare anche gli esseri umani.  https://www.newscientist.com/article/2112829-blood-from-human-teens-rejuvenates-body-and-brains-of-old-mice/ Identica notizia, è riportata con dovizia di particolari anche sul sito di Medical Express: http://medicalxpress.com/news/2016-11-aging-mice-plasma-young-humans.html,e su quello britannico dell’Indipendent: http://www.independent.co.uk/life-style/health-and-families/health-news/blood-plasma-anti-ageing-young-people-stanford-alzheimers-mice-treatment-youth-a7422496.html

Nella stessa ottica, secondo il New York Post, l’utilizzo del plasma è già una realtà in ambito delle cure di bellezza. Il riferimento è al trattamento “vampire facial” brevettato dall’ortopedico tedesco Barbara Sturm, che consiste nello spalmare uno strato di plasma sulla pelle del viso del paziente e di utilizzare degli aghi affinché il plasma possa penetrare in profondità. La stessa dottoressa ha creato una crema alle proteine di sangue da 950 dollari al flacone che è diventata di moda tra i personaggi dello star system.   http://nypost.com/2016/11/15/the-hottest-new-beauty-trend-our-blood/

Problemi di diversa natura in Nigeria, dove in ballo c’è la sicurezza delle trasfusioni, e allo stesso tempo, il loro alto costo. http://punchng.com/blood-transfusion-unsafe-expensive-experts/

Dall’Australia arriva la bella novità dell’ultimissima ora di un centro per donatori di sangue in cui sono previste circa diciottomila donazioni annue http://www.communitynews.com.au/canning-times/news/new-blood-donor-centre-to-open-in-cannington/

E se il virus Zika è monitorato con attenzione non soltanto dal Centro Nazionale Sangue in Italia, ma è affrontato  in tutto il mondo secondo il medesimo protocollo con studi ed esperimenti (Stati Uniti compresi) http://www.fda.gov/NewsEvents/Newsroom/PressAnnouncements/ucm529740.htm, grazie a La Stampa possiamo apprendere che l’Imperial College di Londra e l’azienda DNA Eletronics hanno realizzato da pochissimo una chiavetta USB grazie alla quale, molto presto, sarà possibile operare un test dell’HIV in meno di mezz’ora, e con un livello di precisione del 95%: http://www.lastampa.it/2016/11/16/tecnologia/news/la-chiavetta-usb-misura-i-livelli-di-hiv-nel-sangue-s58uQUVX9Qqm0nubEgG2uL/pagina.html

Infine, flash dall’Italia, e più precisamente da Padova, dove si è appena concluso un convegno importante al pari di quello sul Patient Blood Management che www.buonsangue.net ha seguito a Roma, e in una certa misura propedeutico. Tema delle due giornate del 16 e 17 Novembre, infatti, è stato il concetto di “buona gestione” del sangue e della trasfusione nei pazienti affetti da gravi forme emorragiche. Corretto uso delle trasfusioni e adeguata somministrazione dei farmaci emoderivati gli argomenti all’ordine del giorno, grazie agli interventi di medici e specialisti tra cui Giancarlo Liumbruno, direttore del Centro Nazionale Sangue.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *