Conferenza Stato-Regioni del 25 maggio: stanziati investimenti per il sistema e ribadito lo schema tipo di convenzione tra strutture trasfusionali

sangue-520x245

Decisioni importanti per il sistema trasfusionale sono arrivate dalla Conferenza Stato-Regioni del 25 maggio 2017, a Roma, che al punto 2 dell’ordine del giorno si proponeva di discutere “L’accordo tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sullo Schema tipo di convenzione tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private accreditate e non accreditate, prive di servizio trasfusionale, per la fornitura di sangue e suoi prodotti e di prestazioni di medicina trasfusionale”.

Lo schema di convenzione tipo stabilisce in toto i rapporti tra le strutture trasfusionali sul territorio italiano per quel che riguarda i movimenti del sangue e degli emocomponenti, e regola il funzionamento delle prestazioni in fatto di medicina trasfusionale.

Ma quali sono i punti salienti dell’accordo?

  1. In primo luogo, gli scambi interregionali continueranno a essere regolati in base alla tariffe unitarie stabilite nella Conferenza del 20 ottobre 2015, consultabili a questo link: https://www.avis.it/wp-content/uploads/userfiles/file/Accordo%20CSR%2020_10_2015_Prezzo%20unitario%20cessione%20emocomponenti%20plasmaderivati.pdf
  1. In nessun caso, il costo degli emoderivati e delle prestazioni in fatto di medicina trasfusionale potranno essere addebitate ai pazienti.
  1. Alle regioni è affidato il controllo nell’ambito “della preparazione e applicazione degli emocomponenti autologhi per uso non trasfusionale”.
  1. I costi del trasporto di sangue ed emoderivati sono a carico della struttura sanitaria ricevente.
  1. Tutte le convenzioni tra strutture trasfusionali dovranno essere stipulate entro e non oltre il 31 dicembre 2017.

La conferenza è servita anche per stanziare finanziamenti alla rete trasfusionale per un milione e cinquecentomila euro, utili a raggiungere tre obiettivi primari considerati strategici. In primo luogo gli investimenti serviranno a raggiungere l’autosufficienza (sia regionale che nazionale) in fatto di emocomponenti e plasmaderivati, ma obiettivi per niente secondari saranno la messa a norma delle strutture e dei sistemi operativi verso una sempre maggiore conformità con le norme europee, e il miglioramento dei sistemi di emovigilanza, nel nome della sicurezza e della qualità delle trasfusioni.

Lo schema base della convenzione, nella sua versione integrale, è consultabile a questo link: http://www.quotidianosanita.it/allegati/allegato3454384.pdf

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *