Agosto sta per finire ma il West Nile Virus è ancora una minaccia da monitorare. Le ultime sulle zone colpite

mosquito-2323906_960_720

Anche agosto volge al termine, e tra una settimana al massimo il periodo più complicato per la raccolta sangue sarà alle spalle. Sarà più difficile, almeno si spera, imbattersi in casi limite come quello accaduto in Gallura, a Olbia (Sardegna), dove molti donatori negli ultimi giorni sono stati mandati indietro per mancanza di personale al centro trasfusionale.

Con il rientro delle ferie inizia dunque la rincorsa ai volumi di raccolta di sangue e plasma che potranno assicurare l’autosufficienza in fatto di sangue intero, e un buon risultato in linea con il piano nazionale plasma 2016-2020 per quanto riguarda la raccolta dei volumi di plasma per la produzione di plasmaderivati e farmaci salvavita.

Tra i nemici più ostici per la raccolta, oltre il caldo e ai problemi organizzativi e logistici che interessa la ripresa delle attività lavorative per la maggior parte dei donatori, resiste il West Nile Virus, che come da tradizione sarà monitorato fino all’arrivo del freddo più intenso, tra fine ottobre e inizio novembre.

Intanto, l’ultimo rilevamento è di lunedì 26 agosto, con nuove zone del bacino mediterraneo che comportano lo stop di 28 giorni per la donazione, a meno di non poter contare sull’apporto dei test preventivi.

Come possiamo vedere in figura 1, in Italia le zone colpite riguardano le regioni padane con bassa Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, e inoltre le province piemontesi di Asti, Torino e Cuneo e la provincia di Sassari in Sardegna. All’estero, invece, oltre a Usa e Canada che come sappiamo comportano lo stop permanente, le zone colpite più di recente sono i territori greci di Imathia e Serres (Grecia), la provincia di Fejer (Ungheria), e i distretti di Dolj e Iasi (Romania). Infine, la capitale turca Istanbul.

PowerPoint Presentation 26 ag

Fig. 1

L’osservazione da parte delle autorità è costante, ma per chi deve ancora partire per le ferie ed è diretto verso le destinazioni indicate, la regola del “prima donare, poi partire” è da rispettare alla lettera.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *