A Piacenza andrà in scena Plasm-On, con i giovani Avis impegnati a promuovere la donazione di plasma

INSTAGRAM-2

Il plasma e la sua raccolta, che deve crescere in tutta Italia. Chi legge Buonsangue sa bene quanto il tema del plasma sia prioritario nel sistema sangue, sia per il presente, pensando al plasma come a una risorsa importante per un paese al pari di acqua, cibo o combustibile, sia nell’ottica degli scenari futuri dei prossimi anni, nei quali questa materia biologica così preziosa – dalla quale si producono farmaci salvavita che oggi in parte si reperiscono sul mercato internazionale – sarà fortemente richiesta da paesi in via di sviluppo altamente popolati.

Quanto il plasma sia importante le associazioni di donatori italiane lo sanno benissimo, così come le istituzioni sanitarie nazionali e regionali, per le quali il plasma è sempre un punto centrale dei piani di sviluppo pluriennali. Ed è per questo che stanno nascendo diverse campagne di comunicazione aventi come obiettivo primario quello di aumentare il numero dei donatori di plasma attraverso la plasmaferesi.

Nei prossimi mesi cresceranno pubblicità e informazione sui social network dunque, ma saranno intense anche le attività sul campo e i forum: e infatti, proprio nell’ottica di potenziare la sensibilizzazione sull’universo del plasma, Avis Emilia Romagna ha messo in agenda, nei prossimi 20 e 21 ottobre, il convegno Plasm-On: conoscere e comunicare la donazione di plasma, evento che si terrà a Piacenza, all’Hotel Best Western del capoluogo di provincia, e sarà dedicato soprattutto ai giovani.

Il forum nasce da esigenze constate sul campo: dalle testimonianze dei giovani avisini emerge infatti che la donazione di plasma sia spesso considerata un ripiego, e che in alcuni casi spaventi ancora per la sua durata e per i suoi effetti, giacché la quantità di materia biologica donata in plasmaferesi è maggiore rispetto alla donazione di sangue intero (600/700 ml contro 450ml). Ergo, il bisogno di chiarimenti e risposte.

Il programma di Plasm-On è già definito e si può consultare a questo link:

Plasm-On: conoscere e comunicare la donazione di plasma

Spiccano, tra le varie attività, gli interventi di Francesco Da Prato dell’azienda italiana Kedrion, che spiegherà la filiera che consente di trasformare il plasma in farmaco, e di Davide Carini, medico responsabile della raccolta di Avis Piacenza, che racconterà quali sono le applicazioni terapeutiche del plasma.

Naturalmente spazio anche alle attività sperimentali, con workshop su come creare una comunicazione pubblica efficace sul tema plasma. Le idee partorite dai giovani partecipanti saranno poi commentate e valutate nella mattinata di domenica 21 ottobre, grazie alla collaborazione di Maurizio Matrone, scrittore e storyteller.

L’evento Plasma-On è aperto a tutti i giovani avisini da tutta Italia, ma è necessario registrarsi entro il 5 ottobre 2018. Non resta che augurarsi che la partecipazione sia copiosa, energica e ad amplissimo raggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *